in ,

Intervista: Masaaki Yuasa, il regista di Devilman Crybaby.

Masaaki Yuasa è il regista di numerosi film e serie anime acclamati dalla critica. Da The Tatami Galaxy e Kaiba, a Yoake tsugeru Lu no uta e Devilman Crybaby. Lo stile di animazione e la visione artistica di Yuasa rendono il suo lavoro diverso dalla maggior parte degli anime moderni. In una recente intervista per il sito animenewsnetwork, Yuasa ha parlato del suo nuovo progetto cinematografico, del problema dell’eccessivo lavoro nel settore dell’animazione, e delle prospettive per un sequel di Devilman Crybaby.

Riding a wave with you

Il nuovo progetto di Yuasa è il film animato Kimi to, Nami ni Noretara (provvisoriamente intitolato in inglese Riding a Wave with You). Una storia originale, Kimi to, Nami ni Noretara segue la relazione tra un’universitaria con la passione per il surf e un vigile del fuoco. Eppure, quando hanno chiesto a Yuasa di cosa tratta questo film, la sua risposta è stata un po’ diversa: “È una storia d’amore, pura, su una coppia che si ama davvero.” Tuttavia, questa è soltanto la punta dell’iceberg.

Per sapere di cosa parla veramente il film, bisogna tornare a quando Yuasa assistette per la prima volta alla proiezione del suo precedente lungometraggio Yoake tsugeru Lu no uta dopo il suo rilascio nelle sale. “La mia reazione durante la visione del film è stata: ‘Forse sarebbe stato meglio se avessi fatto questo. Forse sarebbe stato meglio se avessi fatto quest’altro.” Questa mancanza di fiducia nel suo lavoro ha costituito il nucleo di ciò che sarebbe diventato Kimi to, Nami ni Noretara . “Sento che ci sono un sacco di persone là fuori che non hanno fiducia in loro stesse”, ha continuato Yuasa. “E questa è la storia di due protagonisti che mancano di autostima”.

Come con Yoake tsugeru Lu no uta prima di esso, l’acqua è un elemento importante per la storia – dopo tutto un protagonista è un vigile del fuoco e l’altra una surfista. “Esprime – si adatta a – molte cose”, ha detto Yuasa a proposito dell’acqua. “Come l’incontro casuale dei personaggi o lo scenario del film.”

Lu over the wall

Yuasa apprezza questo elemento a livello artistico: “L’acqua non ha una forma definita. È divertente da disegnare e sembra che abbia una indole distruttiva.”

Ma più che solo l’aspetto visivo, questa funge da chiave metaforica per l’intero film. “È una storia sul nostro istinto riguardante l’acqua”, ha continuatoYuasa. “Anche se si tratta di un film sul surf, il tema principale è davvero quello di ‘cavalcare le onde’ – le onde della vita“.

“C’è a chi non piacciono le onde, ma se non provi a cavalcarle, non capirai mai.” Yuasa ha continuato “Alcune persone hanno paura delle onde. Altri si preoccupano del possibile fallimento. Ma non lo saprai mai se non ci provi. Va bene fallire […] Ed è davvero divertente cavalcare bene le onde.”

Trasmettere questo messaggio ai suoi spettatori è il motivo per cui Yuasa sta realizzando Kimi to, Nami ni Noretara : “Voglio sostenere coloro che cercano di ‘cavalcare le onde’. Questa è la sensazione che è cresciuta dentro di me. La tematica che volevo continuare a seguire dopo aver fatto Yoake tsugeru Lu no uta . “

Riding a wave with you

Dopo aver parlato del suo nuovo progetto, la conversazione si è spostata sulla creazione degli anime in generale. Nella sua intervista ufficiale al Tokyo International Film Festival, Yuasa ha fatto riferimento alle notoriamente difficili condizioni di lavoro degli studi di animazione tradizionali in Giappone. Poiché Yuasa ha anche lavorato in essi prima di fondare il suo studio Science SARU, gli è stato chiesto di argomentare le sue opinioni sul problema dell’eccessivo lavoro nell’industria degli anime giapponese.

“È diventato un problema nel settore dell’animazione – beh, è così da molto tempo”, ha osservato Yuasa, senza battere ciglio. Nonostante sia ora il fondatore del suo studio, Yuasa non ha dimenticato com’era stare nelle trincee: “Per quel che ricordo, si faceva tutto il possibile per la propria compagnia, si cercava di non esagerare e di pensare a come fare il proprio lavoro al meglio. […] Tutti incanalavano le proprie forze, cercando di fare il proprio meglio come lavoratori. […] Nei momenti peggiori, è stato duro ed estenuante “.

Yuasa attribuisce la colpa di questo fenomeno alla cultura del lavoro in Giappone, piuttosto che agli studi stessi. “Penso che gli studi di animazione che costringono ad orari di lavoro impossibili siano pochi”, ha detto cercando di spiegare la mentalità di un impiegato da studio. “Invece, come lavoratore pensi ‘anche se è sottopagato o scritto male, voglio comunque realizzare la cosa migliore possibile’. Quindi fai del tuo meglio. Capisco [il sentimento] ma probabilmente non è così bello lavorare in questo modo. “

Nel creare il suo studio, Yuasa ha cercato di ispirarsi ad un modello più occidentale: “Riposiamo regolarmente. I giorni liberi sono davvero giorni di riposo. Non lavoriamo fino a tarda notte “. Ha aggiunto:” È una regola aziendale “.

Per ora, Yuasa crede che la cultura del lavoro eccessivo negli studi di anime possa e debba essere riformata, se non altro per il bene degli anime sul mercato mondiale. “Penso che ci sia molta speranza [per l’industria degli anime giapponese]”, ha spiegato Yuasa. “Ma anche dicendo questo, poiché vendere un anime di successo in tutto il mondo è diverso rispetto a venderne uno in Giappone, abbiamo bisogno di un ambiente di lavoro migliore.”

Devilman Crybaby sfondo

In chiusura, è stato chiesto a Yuasa se avrebbe mai realizzato un sequel a Devilman Crybaby – poiché il manga originale ha diversi potenziali seguiti tra cui scegliere. “Se avessi la possibilità, lo farei”, ha risposto rapidamente prima di argomentare un po’. “Poiché ci sono molte ambientazioni e diversi modi di raccontare la storia, se avessi il tempo – se ne avessi la possibilità – mi piacerebbe provarci.”

Ma un sequel di Devilman non è l’unica opera di Go Nagai con cui Yuasa vorrebbe cimentarsi. “Adoro Mazinger Z e Cutie Honey – quest’ultimo ha un sacco di scene sconce” sorride. “Capisco la sua oscenità e riesco a vedere l’ironia di fondo.”

Kimi to, Nami ni Noretara sarà trasmesso questa estate nelle sale giapponesi. Mentre non è ancora disponibile una data occidentale.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il cambiamento di Garou: censura o riferimenti culturali?

Spiderman: Un Nuovo Universo

Animatori giapponesi e l’esperienza in Spiderman: Un Nuovo Universo