in

Rei Kiriyama

Rei Kiriyama
NomeRei Kiriyama
Kanji 桐山 零
Età17 – 19
AnimeSangatsu no Lion
DoppiatoreKawanishi Kengo
Yumi Uchiyama (Rei giovane)

Descrizione

Narratore e protagonista di Sangatsu no Lion, Rei Kiriyama è un giocatore professionista di shogi, seppur ancora adolescente, attualmente classificato quinto dan. Si destreggia tra partite ufficiali ed impegni scolastici.

Porta degli occhiali neri che incorniciano dei profondi occhi verdi, in perfetto contrasto con i suoi capelli corvini e lucenti. Di solito indossa il vecchio maglione verde del padre adottivo oppure banalmente la sua uniforme scolastica, che si compone di una camicia bianca abbottonata e di pantaloni neri. Durante i mesi più freddi, indossa anche un lungo cappotto scuro.

Rei Kiriyama

Personalità

Come risultato della sua infanzia traumatica, Rei è decisamente solitario e porta con sè molte cicatrici emotive che lo affliggono ancora oggi. Ha un carattere mite e timido. Sebbene non si sia mai esplicitato alcun tipo di disturbo psicologico o psichiatrico, viene spesso descritto come fuori dalla norma. Mostra frequenti sintomi di depressione clinica e una forte correlazione con la sindrome di Asperger o l’autismo ad alto funzionamento, date le sue scarse abilità sociali, l’espressione facciale limitata (i bambini spesso lo chiamavano “robot”), l’incapacità di comprendere i sentimenti altrui, l’ossessione per un singolo soggetto.

Viene dimostrato che suo padre biologico aveva l’abitudine di dondolarsi quando si concentrava, un comportamento molto tipico dell’autismo. La complicata infanzia di Rei lo ha lasciato con una relazione tesa con la sua famiglia adottiva. Iniziando a interagire con il mondo che lo circonda (specialmente per quanto riguarda la famiglia Kawamoto), arriva a comprendere molti dei suoi processi mentali negativi e cambia così, gradualmente, la sua visione della vita.

Rei Kiriyama

Rei è generalmente intelligente, un genio quando si tratta di shogi. I momenti in cui si comporta goffamente sono semplicemente dovuti alla sua natura introversa. Tuttavia, a volte mostra una scioccante mancanza di buon senso.

Background

Dice di essere stato vittima di bullismo a scuola e nel vicinato e che non era in grado di relazionarsi con gli altri bambini. Dopo che i suoi genitori e sua sorella morirono in un incidente stradale, fu curato dall’amico di suo padre e divenne il suo apprendista.

Attraverso la tutela del patrigno, divenne un giocatore professionista mentre era ancora alle medie. Successivamente, decise di andarsene di casa, sentendosi in colpa per la sua presenza che influiva negativamente all’interno della famiglia adottiva. Dopo essersi trasferito, inizia a vivere da solo in un appartamento nella città di Rokugatsu-chō. Tuttavia, sentendo il desiderio di frequentare la scuola, Rei in seguito si è iscritto alle superiori dopo un ritardo di un anno.

Curiosità

Rei Kiriyama
  • Si definisce un cuculo: vorrebbe poter vivere ignorando i tormenti della vita, volando sopra tutti, cantando. Il cuculo è famoso per essere un uccello parassita che si approfitta dei nidi degli altri per crescere i propri piccoli – analogia perfetta per la turbolenta infanzia di Rei e i continui riferimenti della sorellastra riguardo alla sua adozione.
  • Il suo soprannome è Zero proprio perchè Rei significa letteralmente “zero” in giapponese.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Anime ad alto budget negli anni '80

Perché c’erano così tanti anime ad alto budget negli anni ’80?

Mondo ninja: i 10 migliori scontri in Naruto