in

Kei Tsukishima

kei tsukishima
NomeTsukishima Kei
Kanji 月島 蛍
Età16
RuoloMiddle blocker (centrale)
Numero11
SquadraKarasuno
AnimeHaikyuu!!
DoppiatoriKōki Uchiyama (voce originale)
Leraldo Anzaldua (voce inglese)

Descrizione

Kei Tsukishima è uno studente del primo anno della Karasuno High School e un centrale nella squadra maschile di pallavolo della stessa. Molto alto (il suo metro e 90 lo rende il giocatore più alto della Karasuno) e incredibilmente magro, porta dei capelli corti biondi e degli occhiali che coprono un paio di occhioni castano dorati. La sua pallida pelle e le sue fini sopracciglia gli incorniciano spesso il volto in una espressione accigliata o di sfregio.

Da quando entrerà a far parte del team nero, arancio e bianco (i colori della Karasuno) porterà in campo il numero 11 sulla sua schiena. Al di fuori di allenamenti e partite, invece, indossa un semplice gakuran nero. Spesso è visto con delle grandi cuffie bianche attorno al collo ed è stato anche raffigurato con magliette, felpe o giacche riportanti la luca crescente (Tsuki 月 significa luna in giapponese).

kei tsukishima

Personalità

Kei è un ragazzo molto schietto e, data la sua natura antagonista, capita che faccia irritare sia i suoi compagni che gli avversari. La sua compiacenza e il suo orgoglio lo rendono un elemento non trascurabile. Ogni volta che qualcuno fa o dice qualcosa di sciocco, viene visto ridacchiare sullo sfondo. Tuttavia sembra essere intimidito dai giocatori senior.

Nonostante sembri arrogante, Tsukishima ha una bassa autostima. L’episodio clue nel quale ci viene mostrato ciò avviene durante la partita contro la Shiratorizawa dove riesce a bloccare le schiacciate di Ushijima solo una volta. Incolpandosi ripetutamente, ci mostra quanto poco creda in sè stesso e nei suoi successi. Odia quando gli si dica che non possa fare qualcosa, o quando effettivamente si accorge che potrebbe essere così.

Sebbene sembri sempre avere un atteggiamento disinteressato, la pallavolo ha un posto speciale nel suo cuore. Inizialmente si è astenuto dal compiere troppi sforzi e dall’essere oltremodo appassionato per paura di soffrire e rimanere deluso. Tuttavia, dopo il suo confronto con Yamaguchi e ascoltando le parole ispiratrici di Bokuto sul campo di allenamento di Tokyo, ha iniziato ad affrontare questo sport con la giusta determinazione e passione.

kei tsukishima

Abilità

L’altezza di Kei, combinata alle sue capacità di analisi di gioco, lo rende un perfetto centrale. Inoltre, la sua estrema calma destabilizza gli avversari, così da poter optare per soluzioni difensive molto in fretta.

  • Il team confida ciecamente in lui affinchè possa bloccare le potentissime schiacciate provenienti dall’altra metà del campo.
  • Non è il tipo di giocatore che si muove seguendo l’istinto, crede solo nelle informazioni di fronte ha lui. Ha una mente prettamente logica.
  • Usa ripetutamente le finte per ingannare gli avversari: una volta spostati troppo in avanti, opta per una semplice schiacciata mirando allo spazio vuoto creatosi dietro di loro.
  • One Person Time Difference Attack – tecnica appresa durante il Tokyo summer training camp dove inganna il centrale con un salto ritardato, prima della schiacciata.
  • Acquisisce l’abilità di indirizzare la palla molto in alto, fornendo così precise alzate per Asahi.

➡️ Ti potrebbero interessare altri personaggi: Otaku’s Cast

Curiosità

kei tsukishima
  • Il suo cibo preferito è la shortcake alle fragole.
  • Tsukishima è la luna, Hinata il sole. Riferimenti opposti contenuti nei loro cognomi per personalità agli antipodi.
  • Nonostante la scelta sopracitata del mangaka di Haikyuu!!, il nome Kei (蛍) è stato adottato con il significato di lucciola… “perché sa emettere luce da solo”.
  • È il mio personaggio preferito ❤️.

🌐 FONTE

Vota questa recensione
[Total: 3 Average: 5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gli ingredienti per un buon torneo

Recensione: Uzumaki-spirale [by Junji Ito]