in

Weathering with You: intervista ai RADWIMPS

Radwimps immagine 1

Da quasi vent’anni la rock band giapponese RADWIMPS continua a catturare milioni di fan in tutto il mondo con le loro canzoni ricche di significato. Forse è proprio per questo che sono stati scelti come artisti per la colonna sonora di alcuni degli ultimi lavori di Makoto Shinkai, come i film Your Name. e Weathering With You.

Proprio grazie a quest’ultimo i RADWIMPS hanno vinto il Japan Gold Disc Award 2020 nella categoria “Animation Album of The Year”. Dopo milioni di dischi venduti, cerchiamo di sapere di più sulla loro carriera e sul loro essere associati a molte opere animate grazie ad un’intervista con tre dei quattro membri del gruppo, Yojiro Noda, Akira Kuwahara e Yusuke Takeda.

Intervista ai RADWIMPS

Siete musicisti di successo da qualche tempo. Come descrivereste il vostro processo creativo?

Kuwahara: Abbiamo sempre continuato a pensare che questa potrebbe essere la nostra ultima volta assieme e che potremmo finire tutto questo in qualsiasi momento. Quando lo abbiamo realizzato siamo arrivati a questo punto.

C’è qualche differenza tra questa mentalità e il processo della creazione di musica per un film di Makoto Shinkai come Weathering With You?

Noda: Un film deve rappresentare un mondo specifico, e questo cambia il modo di produrre musica rispetto ad un album originale perchè dobbiamo riuscire a realizzare delle tracce in grado di abbinarsi perfettamente con una specifica scena. Inoltre, quando componiamo musica per i film, possiamo usare qualsiasi strumento vogliamo, ed è il nostro lavoro scegliere quelli più appropriati. Tutto questo rimuove la struttura di una band e ci permette di creare canzoni con molta più libertà.

Pensiamo anche che la colonna sonora dei film debba fondersi con i personaggi della scena e l’ambientazione per raggiungere l’audience come se fosse una singola esperienza.

Quando scriviamo musica come band è come se lo scenario di un film e i suoi personaggi facessero già parte delle composizioni, e il processo creativo si differenzia anche per questo.

Kuwahara: Quando creiamo un album originale possiamo permetterci di comporre quello che più ci piace, ma quando scriviamo la colonna sonora di un film non possiamo imporre le nostre preferenze. Dobbiamo abbinare la musica al tempo e alle immagini e questa è la più grande differenza.

Nonostante siate famosi in tutto il mondo da qualche tempo, la vostra fama è esplosa grazie a persone che vi hanno conosciuto con i film di Makoto Shinkai. Come vi fa sentire questo?

Takeda: È un onore. Io stesso sono un fan degli anime, e sono fiero di aver preso parte alla produzione di fantastici film.

Potete raccontarci come siete riusciti a mettervi in contatto con Shinkai? Eravate fan dei suoi lavori già da prima?

Kuwahara e Takeda: Shinkai è sempre stato un fan dei RADWIMPS, e quando iniziò a lavorare su Your Name. ci ha suggerito di comporne la musica. Il produttore Kawamura ha contattato Yojiro, e abbiamo ricevuto l’offerta.

Siete stati entusiasti di lavorare di nuovo con lui dopo il successo di Your Name?

Noda: Ad essere onesti non mi sarei mai aspettato di dover comporre la colonna sonora per un altro film, perciò ero sorpreso. Ho ricevuto il copione un anno dopo l’uscita di Your Name. Mi chiesero: “Dopo aver letto il copione, ti è venuta in mente qualche traccia da comporre?”. Qualche mese dopo, ho fatto ricevere al regista due delle principali canzoni.

Per Weathering With You, quali sono state le vostre principali ispirazioni? È stata la storia a prendere il sopravvento?

Noda: Ho ricevuto il copione di Weathering With You da Shinkai-San nell’agosto del 2017. Le prime canzoni che ho composto sono state “Is There Still Anything That Love Can Do?” e “Daijobu.” Queste due tracce sono diventate un punto di riferimento per il contributo a questo film durante i due anni successivi.

Le altre tre canzoni sono state scritte dopo lunghe discussioni con il regista per poter comprendere meglio la storia. Due di queste sono state composte per essere abbinate alle scene, perciò la mia priorità è stata quella di esprimere la psicologia dei personaggi.

Ho completato tutte e cinque le tracce verso la fine del 2018. Dopo di queste ho iniziato a comporre la colonna sonora del film. Ho lavorato moltissimo ogni giorno, ho parlato con il regista e sono stato nello studio così tanto che mi sono dimenticato che la band era il mio lavoro primario.

Questa partnership creativa continuerà?

Noda: Nessuno sa che cosa ci riserverà il futuro. Nel caso venissimo scelti per lavorare sul prossimo film, mi impegnerò per migliorare ulteriormente le mie abilità musicali. Farei tutto questo perchè in caso di una nuova richiesta ho intenzione di essere migliore rispetto a quello che sono oggi per creare qualcosa in grado di raggiungere le aspettative del regista.

Avete una canzone preferita che avete composto voi?

Kuwahara: Mi piace “Moshimo.” Yojiro la scrisse quando era alla scuola superiore. Ero impressionato da come un mio coetaneo fosse in grado di scrivere una canzone simile.

Takeda: Adoro “me me she.” Avevo appena interrotto una relazione con una ragazza quando sentii per la prima volta la canzone, ed il testo era perfetto.

A parte la vostra musica, chi o che cosa raccomandereste ora?

Noda: Se dovessi dire un artista, penso che sceglierei i Red Hot Chili Peppers. Qualche tempo fa abbiamo avuto l’opportunità di esibirci prima di loro in un festival chiamato Summer Sonic, e vederli sul palco ci han ricordato quanto siano stati importanti per la nostra band.

Kuwahara: Parlando di band, apprezzo particolarmente i Red Hot Chili Peppers e gli Oasis. Sono anche un fan di GLAY e di L’Arcenciel. Una volta ascoltavo le loro canzoni e le copiavo tutto il tempo. Ci sono stati dei momenti in cui ho realizzato quanto il mio stile sia stato influenzato da loro.

Takeda: Il bassista Marcus Miller. Mi piace la tecnica di base del basso conosciuta come “slapping”, ed ho imparato molto dalle sue performance.

🌐 Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

akira coronavirus

Akira ai tempi del Coronavirus

Vofan Monogatari

Intervista a VOFAN, l’illustratore di Monogatari