in , , ,

Visita anche tu la casa di Eiichiro Oda!

Visita anche tu la casa di Eiichiro Oda! – Il 9 Gennaio 2019 ha segnato un evento sensazionale e indelebile per i fan di One Piece.

Infatti, Eiichiro Oda ha aperto le porte di casa sua non solo ad alcune delle personalità nipponiche attuali più influenti ma anche al pubblico televisivo. Il che appare di primo acchito abbastanza paradossale dal momento che, sebbene sia una delle icone giapponesi più importanti degli ultimi anni, Oda-sensei ha sempre fatto comparse sporadiche in televisione e perciò rappresenta un evento unico. Lo show Honmadekka!? TV, tenutosi su Fuji TV, ha realizzato un intero episodio speciale sulla casa del grande mangaka, condotto da Sanma Akashiya, uno dei più riconosciuti comici giapponesi dopo Takeshi Kitano.

Nonostante, durante il corso degli anni, la genta abbia potuto dare una sbirciatina dentro il “tempio di One Piece” attraverso alcune immagini estrapolate da momenti fuggenti di interviste varie, l’episodio è risultato straordinario.

Salotto principale: allestito con un gioco del gru stracolmo di gadget.
Bar: Oda ha un bar con inclusa macchinetta da popcorn in casa sua.
Balcone: presenta un simpatico trenino di legno funzionante

Per tutto l’episodio la faccia del maestro Oda è stata coperta dalla faccia di Rufy. Tutto ciò lascia trasparire un alone di mistero, dal momento che, quando era più giovane, mostrava spesso il suo volto alle telecamere; negli ultimi anni sembra aver perso questa abitudine.
Il giro turistico della sensazionale casa di Eiichiro Oda, il creatore del fumetto più venduto al mondo, è stato straordinario e si è incentrato su tre particolari stanze:
  • il bagno; del tutto inusuale e stravagante, è dominato dalla figura dello squalo. Una cabina claustrofica che riproduce una sorta di gabbia immersa in un oceano di pescecani. Il tocco di classe impossibile da non notare è lo spaventosissimo squalo bianco, che con il suo morso, esce dalla parete;


  • il labirinto di diorama; una camera allestita con enormi mobili ospitanti gigantesche action figures di ogni tipo. Oda ha una vastissima collezione di statue raffiguranti i suoi personaggi;


  • il mausoleo di One Piece, il memorabile studio dove tutto prende forma; una stanza al cui interno sono incasellati un numero impressionanti di guide e tankōbon e dove vi si possono ammirare altre figures. Vicino ad una riproduzione in scala 1:1 di un robot minaccioso armato di una mitragliatrice futuristica sorge la grandiosa scrivania dove ogni giorno il maestro Oda si dedica alla sua meravigliosa creazione. Un posto davvero simbolico e rilevante per quanto concerne la storia del manga, un tempio di carta.


Dopo una cena tenutasi su una pantagruelica tavola, un giro sul trenino e alcune gag, l’episodio è collimato su argomenti più importanti e in direzioni più tese. Infatti, sono spuntate domande interessanti a cui Oda ha risposto in modo esauriente dando informazioni uniche:

  • Ha 10 assistenti addetti a svariate mansioni per soddisfare la sua meticolosità (Oda, infatti, presta moltissima cura a ciò che disegna, riempiendo le sue pagine di elementi fantasiosi e inchiostrando con cura i suoi personaggi. Inoltre, è uno dei pochissimi autore nel panorama nipponico a ri-disegnare i flashback delle proprio avventure).
  • Per sostenere questi austeri orari di lavoro Oda dorme pochissime, tre ore a notte in media. E solitamente i suoi orari sono interposti tra le 9 e le 12 del mattino, mentre per lo staff la pausa arriva dalle 5 alle 12. Quando lavora, invece, necessita del più assoluto silenzio (anche se in molti conosceranno il suo grandissimo amore per la musica).
  • La diatriba sul One Piece è ormai decennale e Oda ha più volte smentito la forma astratta del tesoro finale. Nonostante sia un fervido lettore e un grande appassionato di “Alice nel Paese delle Meraviglie” e de “Il Mago di Oz” non adotterà la stessa visione di questi due romanzi, il One Piece non sarà “il viaggio” o “l’avventura che porterà a conoscere meglio se stessi”, sarà qualcosa di puramente materiale, un’autentica ricompensa, proprio come il tesoro del capitano Flint ne “L’isora del tesoro“.
  • Dopo 21 anni, One Piece sta per concludersi. L’opera è divenuta ormai leggenda e ha lasciato tra le onde del mare in costante movimento mille avventure. Oda ha esplicitamente dichiarato che il manga supererà di poco i 100 volumi. D’altra però è nota l’irriverenza con cui Oda fornisce le percentuali e spessisimo non sono così semplici da decodificare. Nell’ultima intervista, infatti, ha dichiarato che la storia generale ha raggiunto il suo 80%; affermazione che sorprese molto i fan ma che non fornisce materiale abbastanza appurato e preciso, dal momento che l’autore non parlava del manga in generale, ma soltanto della trama. Per cui i volumi saranno ancora molti siccome la narrazione verrà sospesa (e quindi la trama generale non si muove) per incentrarsi su eventuali flashback e chiarimenti riguardo ai più grandi misteri di questo fantastico mondo.

➡️ Ti potrebbe anche interessare: Eiichiro Oda accontenta i fan e mostra un inedito Luffy a 40 e 60 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

The Rising of the Shield Hero: Le prime Impressioni

Free! – l’anime riceverà un nuovo film nel 2020!