in , , ,

SPECIALE DOPPIAGGIO: Come funziona in Giappone? Diamo un’occhiata da vicino!

Premessa molto importante da non leggere ad alta voce:
NON esiste una scuola univoca “occidentale”, che comprenda sia quella italiana che quella americana.

🇮🇹 In Italia si segue lo stesso modus operandi sia per le serie animate nostrane che per quelle provenienti dall’estero. In America esistono diversi circuiti del doppiaggio, tantochè le produzioni interne spesso possono vantare celebrità e autori del programma nel cast mentre alcuni doppiatori sono presenti soltanto nel settore degli anime o di un solo network. Per via di queste motivazioni credo sia più opportuno di parlare semplicemente di quello che è il lavoro di un seiyuu in Giappone e del mondo del doppiaggio giapponese.

🇯🇵 Originariamente, doppiaggio e voice-over erano realizzati da attori professionisti chiamati “koe no haiyou”(声の俳優 – letteralmente, “attori della voce”). Per convenienza il termine fu accorciato in “seiyuu”( 声優), scritto con il primo e l’ultimo kanji della parola originaria durante l’anime “boom” causato da Space Battleship Yamato negli anni 70’. Seiyuu non era una connotazione molto apprezzata dai doppiatori più anziani, i quali si sentivano sminuiti rispetto al loro ruolo di attori mentre i più giovani sfruttarono l’occasione per far aumentare la loro popolarità tra questi ricordiamo Akira Kamiya, Tōru Furuya e Toshio Furukawa che fondarono la band Slapstick e Genzou Wakayama, ricordato per essere il primo seiyuu a non accettare più classici lavori da attore.

Nel 1979 Hideo Ogata, editor in chief di Animage, decise di sfruttare la popolarità dei doppiatori creando dei “seiyuu’s corner” all’interno della rivista contenenti curiosità e gossip sui principali nomi del mondo del doppiaggio. Da quel momento i seiyuu iniziarono ad essere accostati agli Idol per popolarità e la loro età media diminuì. Negli anni 90’ iniziarono ad essere aperte delle vere e proprie scuole per diventare seiyuu, dal momento che era oramai diventato frequente il successo tra il pubblico mainstream di doppiatrici e doppiatori, soprattutto dopo il successo di Megumi Hayashibara, che il pubblico italiano ricorda per personaggi come Rei Ayanami e Faye Valentine. Sempre nello stesso periodo è la trasmissione di trasmissioni radiofoniche esclusivamente dedicate al mondo del doppiaggio. Dagli anni 00’ ad oggi è sempre più diffusa la community dei seiota, che piuttosto che apprezzare i cartoni animati in maniera generica preferiscono concentrarsi sui singoli doppiatori.

Ma qual è la via che permette più facilmente di diventare doppiatore in Giappone?

Immagini di repertorio tratte dall’anime “Sore ga Seiyuu”

La maggior parte dei seiyuu più famosi ha seguito uno di questi quattro percorsi lavorativi:

  • Annunciatore radiofonico.
    Tra questi ricordiamo Tooru Ohira e Tadashi Nakamura.
  • Attore bambino.
    Tra questi ricordiamo Shuuchi Ikeda e Maaya Sakamoto.
  • Attore di teatro.
    Tra questi ricordiamo Fumiko Horikasa e Romi Park.
  • Vincere un concorso specializzato dopo la scuola di doppiaggio.
    Tra coloro che hanno seguito questa strada ricordiamo Sawashiro Miyuki e Yui Horie.

Oltre a queste quattro possibilità non sono rari i seiyuu che entrano nel mondo degli anime partendo da altre forme di intrattenimento. Mao Ichimichi, per esempio, era una gravure idol mentre Mamoru Miyano aveva partecipato al musical “Il principe del tennis”.

Ogni seiyuu è affiliato ad una agenzia, la quale si occupa del marketing e di trovare audizioni e promuovere connessioni tra le aziende. Ad ogni doppiatore viene affidato un producer specializzato nel tipo di carriera che il seiyuu vuole intraprendere. Spesso ad un producer sono affidati molteplici doppiatori. I guadagni di un doppiatore dipendono soprattutto dal suo “ranking”, che spesso corrisponde all’anzianità ma anche dagli specifici lavori che vengono affidati al seiyuu. Doppiare un protagonista o un personaggio con poche righe di dialogo spesso non incide direttamente sulla loro paga, soprattutto quando si tratta di doppiatori giovani.

Prima della registrazione in studio, il direttore del suono si raccomanderà a tutti i partecipanti di prestare massima attenzione alle cose che dirà.

Tra le varie mansioni a cui si dedicano i seiyuu troviamo:

  • Doppiaggio di anime: contrariamente ai cartoni animati di molti altri paesi, il doppiaggio dei cartoni animati giapponesi viene registrato durante la produzione dell’anime e non prima. Il regista Kou Matsuo però al contrario preferisce doppiare gli episodi prima di disegnarli.
  • Lavori di narrazione, doppiaggi di film stranieri in giapponesi e voice over di programmi televisivi esteri. Spesso sono i doppiatori più esperti a occuparsi di questo ambito.
  • Doppiaggio di videogiochi: contrariamente alle altre tipologie di dubbing, i seiyuu qui vengono pagati per numero di battute.
  • Un lavoro molto comune è quello di cantare Opening, Ending ed insert Song degli anime. A volte i doppiatori cantano queste canzoni dal vivo in live dedicati alle anisong.
  • Radio drama e Drama CD, questi ultimi sono storie spesso tratte da anime o da manga acquistabili spesso come contenuto speciale di un tankobon o di un CD musicale.
  • Eventi dal vivo, dove spesso i seiyuu chiacchierano amabilmente tra di loro e fanno dei giochi in allegria.
  • Aniradio, dove i doppiatori di un anime discutono assieme del cartone animato e della loro vita di tutti i giorni settimana per settimana, dopo la messa in onda dell’episodio.

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, quella dei seiyuu non è spesso una professione molto redditizia. Rimanere senza ruoli per qualche stagione di fila può significare non riuscire più a mantenersi mentre non prestare la voce a protagonisti, i personaggi più presenti nei drama CD, nelle canzoni e nei vari eventi può significare vivere in povertà.

👁‍🗨 CREDITI: Ringraziamo per la gentile concessione FAR From Animation, un sito internet che si occupa di approfondimenti informativi e analisi sul fumetto e l’animazione giapponese. Nel loro sito troverete addirittura articoli dedicati a specifiche tematiche mai trattate nemmeno da siti americani o giapponesi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0
Crossover Adventure Time Patrol Luluco

Space Patrol Luluco dello Studio Trigger ottiene un Artwork crossover con Adventure Time

Death Note: la recensione dell’anime