Categoria Approfondimenti

25 tra le migliori ending anime di sempre

Indice contenuti

Eccoci alla seconda parte di questo viaggio tra opening ed ending dell’animazione nipponica. La scorsa volta è toccato a 25 tra le migliori opening anime di sempre, stavolta tocca alle 25 ending che più hanno lasciato il segno.

Come sempre, la seguente lista è in ordine casuale, le posizioni non vogliono essere intese come una classifica.

25. Cowboy Bebop – “The Real Folk Blues” (Seatbelts ft. Mai Yamane)

Dato che la gran parte delle musiche di questo anime sono strumentali, questa spicca per il suo essere cantata. Realizzata da una band chiamata Seabelts, presenta al suon interno la potente voce di Mai Yamane. Si tratta di un pezzo blues, che si intona perfettamente con l’atmosfera finale dell’opera.


24. Fullmetal Alchemist: Brotherhood – “Uso (Lie)” (SID)

Questa canzone della band SID si è classificata seconda nella classifica Oricon giapponese alla sua uscita, grazie anche all’enorme popolarità dell’anime. Il ritmo accattivante è la ciliegina sulla torta per un anime movimentato come questo.


23. Steins; Gate – “Toki Tsukasadoru Juuni no Meiyaku (The Time-Governing Twelve Covenants)” (Yui Sakakibara)

Un’altra eccezionale ending cantata dalla talentuosa Yui Sakakibara. È il perfetto coronamento dell’anime, che il tono creepy rende immediatamente adatto all’ambiente in cui si svolgono le vicende.


22. Digimon Adventure – “I Wish” (AiM)

Sotto il nome d’arte Aim, Ai Maeda è molto conosciuta per i suoi lavori legati al franchise dei Digimon. Questo pezzo allegro e spensierato ti riporterà indietro nel tempo, a quando da bambino ti godevi questa serie.


21. Vampire Knight – “Still Doll” (Wakeshima Kanon)

Questa meravigliosa cover dark al violoncello è realizzata da Wakeshima Kanon, violoncellista e cantante, attiva nell’ambito delle lolita. Il finale “frizzantino” si accoppia perfettamente al tono creepy della serie.


20. Death Note – “Alumina” (Nightmare)

Questa famosa ending è potente quanto l’opening, entrambe eseguite dallo stesso artista, Nightmare. Questo brano è leggermente più pacato a livello di ritmo, ma non meno affascinante (grazie anche alle doti canore di Yomi).


19. InuYasha – “Dearest” (Ayumi Hamasaki)

La regina del J-pop Ayumi Hamasaki ci ha regalato questo capolavoro, che giunge subito al cuore dei fan della serie.


18. Samurai Champloo – “Shiki no Uta (Song of Four Seasons)” (MINMI)

Minmi è un famoso cantante reggae giapponese, che ha realizzato questo pezzo in collaborazione con l’artista Nujabes. Molto accattivante e interessante.


17. Toriko – “Sabrina” (Leo Ieiri)

Questo pezzo è cantanto da una stella nascente del j-pop, Leo Ieiri. È un’ottima ending per un anime ricco di avventura e azione come Toriko. Vi ritroverete senza accorgervene a cantarla da soli!


16. K-ON! – “Don’t say lazy” (Sakuraku K-ON Bu)

Sakuraku K-ON Bu è una band fittizia formata da quattro seiyuu per cantare la canzone di chiusura di questo anime. I membri sono Toyosaki Aki, Hikasa Yoko, Sato Satomi e Kotobuki Minako. La canzone ebbe tanto successo da debuttare in seconda posizione nella classifica Oricon.


15. Ao no Exorcist – “Take off” (2PM)

2PM è una famosa boy band coreana, conosciuta dai fan di Ao no Exorcist appunto per questa ending (che altro non è se non una canzone k-pop convertita in ending dell’anime).


14. Nana – “A little pain” (Olivia)

Nana è da sempre stato considerato come uno degli anime con le migliori soundtrack di sempre. Olivia è una cantante j-pop (che tra l’altro da anche la voce ad uno dei personaggi, Reira di Trapnest). È anche cantata in una scena molto struggente dell’anime, il cui punto focale è la relazione tra i personaggi.


13. Kara no Kyoukai 1: Fukan Fuukei (The Garden of Sinners 1: Overlooking View) – “Oblivious” (Kalafina)

Kalafina è una band folk e new age e questo è senza dubbio uno dei loro pezzi migliori e più conosciuti. Serve sia da colonna sonora che da ending per questo film. Dal ritmo molto incalzante, si intona perfettamente con il soprannaturale che emerge dalla trama.


12. Mushishi – “Unasaka Yori (From beyond the Sea)” (Masuda Toshio)

Mushishi ha alcune tra le migliori ending strumentali di sempre; sono tutte strumentali a parte solo una cantata. Il compositore Masuda Toshio è famoso per impiegare strumenti classici giapponesi, come shamisen e shakunachi.


11. Bakemonogatari – “Kimi no Shiranai Monogatari (The Story You Don’t Know)” (Supercell ft. Nagi Yanagi)

Le doti canore di Nagi Yanagi si danno da fare in questo pezzo, rendendolo perfettamente in tono con il genere dell’anime e la sua atmosfera, molto accattivante e catchy.


10. Free! – “SPLASH FREE” (Style Five)

I membri della Scuola di Nuoto di Iwatobi danno prova di essere anche ottimi cantanti, dato che il gruppo fittizio consta proprio di cinque dei seiyuu principali: Daisuke Hirakawa, Nobunaga Shimazaki, Mamoru Miyano, Tsubasa Yonaga e Suzuki Tatsuhisa.


9. Ghost Hunt – “Ending Theme” (Masuda Toshio)

Altro capolavoro di Masuda Toshio, ending di indubbio fascino ed eleganza. Calza a pennello per l’anime horror Ghost Hunt.


8. Wolf’s Rain – “Gravity” (Maaya Sakamoto)

L’ending di questo anime è una triste ballata cantata completamente in inglese dala splendida voce di Maaya Sakamoto. Se sei fan dell’anime ti potrebbe anche scendere una lacrimuccia, dato che si tratta di una melodia molto struggente e nostalgica.


7. Byousoku 5 centimeter (5 centimeters per Second) – “One more time, one more chance” (Masayoshi Yamazaki)

Altra canzone meravigliosa e struggente, stavolta messa a conclusione di un film d’animazione del maestro Makoto Shinkai, 5 Centimetri al secondo.


6. AnoHana: The flower we saw that day – “Secret base, 10 years after” (Ai Kayano, Haruka Tomatsu e Saori Ayami)

Il brano di chiusura di quest’opera segue il ritmo drammatico e devastante dell’anime, caratterizzato da emozioni che investono lo spettatore, colpendolo in pieno. Ricordi delle estati d’infanzia e dei pomeriggi passati a giocare spensierati con gli amici fanno da scenario per questo capolavoro.


5. Chihayafuru – “Soshite Ima (And now)” (Asami Seto)

Ending dal tono accattivante e resa ancora più affascinante dalla splendida voce di Asami Seto, che riesce a restituire le emozioni proprie della serie.


4. Psycho-Pass – “Namae no nai Kaibutsu (Nameless Monster)” (EGOIST)

EGOIST è un duo jpop, costituito dal cantautore Ryo (della Supercell) e dalla vocalist Chelly. Il ritmo incalzante e il tono allegro formano la prima ending di Psycho-Pass.


3. Rainbow – “A FAR-OFF DISTANCE” (Galneryus)

Galneruys è una famosa band heavy metal giapponese che realizza un ottimo lavoro con questa ballata rockeggiante. L’ondata di emozioni che si sprigionano è comprensibile, dato che Rainbow è uno degli anime più tristi degli ultimi anni.


2. Durarara!! – “Trust me” (Yuya Matsuhita)

Yuya Matsuhita ha avuto un grande successo con questo brano, che nella sua versione ufficiale si è classificato 10° nella classifica Oricon.


1. Hunter x Hunter – “Kaze no Uta (Song of the Wind)” (Minako Honda)

Questo brano è cantato dall’artista jpop Minako Honda, la cui voce incredibile vi avvolgerà dall’inizio alla fine.


🌐 Fonte

Che ne pensate? Le conoscevate tutte oppure qualcuna vi era nuova?

Leggi tutti i commenti

  • Tutte bellissime ma manca la miglior ending mai fatta (samurai heart)

    • Anche io ne ho di molto care che non figurano nella lista, in quanto non di recentissima stesura. Purtroppo è impossibile mettere tutto, anche cercando di fare il possibile. Mi fa comunque piacere tu abbia apprezzato l'articolo :-)

Condividi
Pubblicato da
Il_Dam

Post recenti

L’animazione giapponese ai tempi del coronavirus

Introduzione Come ha reagito l’industria dell’animazione giapponese alla pressione della crisi per il nuovo coronavirus?…

2 giorni fa

Gojō Satoru

NomeGojō SatoruKanji五(ご) 条(じょう) 悟(さとる)Età28 anniGradoEsorcista di Grado SpecialeAnimeJujutsu KaisenDoppiattoreYuichi Nakamura Dopo aver analizzato il protagonista…

4 giorni fa

Otaku’s Awards 2020: tutti i vincitori di questa edizione

Dal 15 al 25 febbraio abbiamo organizzato sul nostro canale Telegram @OtakusJournal la 2^ edizione…

5 giorni fa

Troppo presto per Attack on Titan ereditare il trono?

Qual è il miglior anime di tutti i tempi? Ognuno avrà la propria risposta a…

5 giorni fa

Due parole con Eiji Otsuka: la cinematograficità del manga e la necessità dell’ultra-violenza

In particolar modo negli ultimi anni, l'industria fumettistica nipponica è andata incontro ad un cambiamento…

6 giorni fa

Le Bizzarre Avventure di Jojo: Il capolavoro di Hirohiko Araki

Quali passi ha compiuto quest'opera per diventare il fenomeno culturale dei giorni nostri? Una delle…

1 settimana fa