in , ,

Mewtwo è tornato!

Mewtwo

Era l’ormai lontano anno 2000. Avevo da poco comprato il mio affezionatissimo Game Boy Color e la cartuccia di Pokémon Rosso. Passavo ogni attimo della mia esistenza di fronte a quel piccolo schermo. Tutti sognavano di diventare il miglior allenatore di Kanto, collezionando le otto medaglie e riuscendo a catturare i 150 mostriciattoli tascabili. Anzi, 151. Erano i tempi in cui il cugino dell’amico del tuo amico conosceva un tizio che forse, attraverso degli incredibili iter al limite dell’inverosimile, un sistema di calcoli matematici e seguendo tempistiche perfette alternando i tasti premuti, era riuscito ad ottenere il tanto bramato Mew.

L’anno scolastico stava per giungere al termine, il sole batteva sui tetti delle case portando con sè un po’ di quel caratteristico tepore primaverile, quando usciva nelle sale cinematografiche italiane il primo lungometraggio dedicato ai Pokémon: Mewtwo colpisce ancora, anche noto come Mewtwo contro Mew.

Il panorama era dunque questo: trepidante quanto incerto. La globalizzazione non era allo stato attuale, men che meno la veridicità e l’accuratezza delle informazioni sul web. Il mistero era insidiato in ogni dove, in ogni fonte che non poteva così facilmente essere controllata. Il dubbio instillato nei nostri animi. Bisognava avere solo fede.Cosa ci aspettava, dunque?

La storia…

Mewtwo contro Mew

Esiste davvero ancora qualcuno che non conosce la trama, almeno in pillole, di questo lungometraggio? Se la vostra risposta dovesse essere no, posso ancora condividere l’ossigeno con voi. Nel caso fosse sì… Eretici! Ma meglio fare un piccolo ripasso, che è sempre utile.

Mewtwo è una creatura nata in laboratorio, a partire dal DNA di Mew, per essere il Pokémon più forte del pianeta. Resosi conto di essere soltanto una cavia ed una pedina per gli scopi degli esseri umani, in particolare del capo del Team Rocket, Giovanni, si ribella ai suoi creatori incendiando con i suoi poteri psichici il suo stesso luogo di “nascita”. Giura così vendetta al genere umano. Ampiamente deluso ed afflitto dai più taglienti dubbi esistenziali, convoca sull’isola in cui si è stabilito i migliori allenatori di Pokèmon per sfidarli con il suo esercito di cloni. Una battaglia epocale viene ingaggiata. Copie ed originali si affrontano, così come Mewtwo e Mew, quest’ultimo intervenuto per tentare di porre fine a quello che sembra diventare presto un massacro.

Mewtwo uno di noi!

Mewtwo

Nonostante il brand si rivolga principalmente ad un pubblico molto giovane, i dialoghi presenti offrono ottimi spunti riflessivi. Perla rara di questo primo tentativo cinematografico, infatti, è la caratterizzazione soprattutto psicologica di Mewtwo. Di solito le vicende nel mondo Pokémon si sviluppano in modo lineare e prevedibile, condite da una certa dose di buonismo. Qui, invece, la creatura clonata ed assetata di vendetta ne diventa il re indiscusso, avvicinandosi molto all’essere umano che tanto ha imparato ad odiare.

Mewtwo si sente perso. Usato ed abbandonato, si pone degli interrogativi non di facile risoluzione. Chi sono io? Perchè sono qui? Qual è il senso della mia vita? Cosa è giusto e cosa è sbagliato? Trova risposta in un atto di avventatezza, senza la possibilità di potersi confrontare. Senza una scala di grigi alla quale potersi aggrappare, perchè non è sempre tutto bianco o tutto nero.

«Il modo in cui si viene al mondo è irrilevante,
è quello che fai del dono della vita
che stabilisce chi sei.»

…si ripete?

Mewtwo Strikes Back Evolution

Il franchise dei mostriciattoli tascabili ha all’attivo ben 21 pellicole dedicate. Insomma, un bel po’ di carne al fuoco. In tutto ciò, però, il primo lungometraggio continua a svettare sugli altri: è il film Pokémon di maggior successo e la pellicola basata su un videogioco con gli incassi più alti, ad oggi.

Il film che occuperà la posizione numero 22 porterà il titolo di Mewtwo Strikes Back Evolution. Sarà a tutti gli effetti un remake di Mew contro Mewtwo, ed interamente realizzato in CGI. Il trailer mostra alcune scene che i fan della serie avranno sicuramente riconosciuto, infatti sembra proprio che gli eventi percorsi saranno gli stessi. In arrivo nelle sale giapponesi il 12 luglio 2019, non sappiamo ancora quando sbarcherà da noi.

Riguardate questo gioiello (o semplicemente guardatelo, se siete dei neofiti) in attesa del rifacimento proiettato 20 anni nel futuro. Piangete, come se fosse ancora la prima volta. Emozionatevi. Siate un pochino nostalgici, insieme a me.

Ash e Pikachu

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

Comments

0 comments

anime infanzia

9 anime della nostra infanzia che dopo anni sono tornati!

Evangelion

Evoluzioni che non ce l’hanno fatta