in

Dragon Ball Super: Merus è un Angelo?

Merus a colori

Negli ultimi capitoli del manga Dragon Ball Super, scritto e disegnato da Toyotaro con la supervisione di Toriyama, è stato introdotto un personaggio di nome Merus. Sebbene all’inizio sembrasse una semplice figura secondaria, con il capitolo 51 molti fan si sono dovuti ricredere…

Prima apparizione

Merus compare per la prima volta nel capitolo 42, quando giunge sulla Terra per rapire Majin Bu. Immediatamente si distingue per la sua velocità. Infatti riesce a sorprendere e far addormentare con la sua pistola anestetizzante sia Goku che Vegeta. Al loro risveglio spiega il motivo della sua visita: sconfiggere Moro. Quest’ultimo è il villain della nuova saga, iniziata al termine del Torneo del Potere e attualmente inedita nell’anime.

Merus si presenta come Pattugliatore Galattico Numero Uno, a capo di ben 104 distretti nel Settimo Universo. Una vera divinità se paragonato a Jaco, membro noto della Pattuglia Galattica, il quale presiede solo 3 settori. Nonostante la sua importanza, indice indiretto di potenza combattiva, necessita l’aiuto di Bu e del Dai Kaiohshin per arrestare nuovamente Moro, scappato dalla Prigione Galattica. Il suo livello in battaglia parrebbe quindi ben inferiore a quello dei protagonisti.

La sconfitta di Goku e Vegeta

Merus e Goku
Merus sorprende Goku nel capitolo 42 di Dragon Ball Super.

In effetti molti fan, dopo l’uscita del capitolo, sono rimasti insoddisfatti dalla facile sconfitta dei due Saiyan. La Pattuglia Galattica non è rinomata per avere tra i suoi membri dei guerrieri particolarmente pericolosi, come dimostra la figura di Jaco, personaggio coinvolto spesso in scenette divertenti piuttosto che in scontri impegnativi. Risulta quindi inspiegabile, ad un primo sguardo, come possa Merus cogliere di sorpresa sia Goku che Vegeta. Naturalmente non sono mancate le spiegazioni dei più ferrei sostenitori dell’opera di Toyotaro.

Merus e Vegeta
Merus coglie alle spalle Vegeta nel capitolo 42 di Dragon Ball Super.

Secondo alcuni, i due Saiyan si stavano trattenendo e hanno conseguentemente sottovalutato il loro avversario. Secondo altri, invece, Goku e Vegeta non hanno avvertito alcuna minaccia in Merus e hanno creduto di poter prevedere con largo anticipo tutte le sue mosse. D’altra parte è ormai certo che anche i Saiyan, quando distratti, sono estremamente vulnerabili. Se non si vuole dar credito alla scena in cui Goku viene ferito da un proiettile o colpito da un sasso, non si può certo ignorare il modo in cui lo stesso sia stato sconfitto da Sorbet nell’episodio 26 dell’anime, oppure, ancora prima, da Majin Vegeta prima di scontrarsi con Bu nella serie Z. Le ipotesi prospettate sembrano quindi plausibili. Merus non possiede un elevato livello combattivo, ha semplicemente sorpreso gli avversari riuscendo così a sconfiggerli. In realtà la spiegazione viene rivelata dieci mesi dopo, nel capitolo 52: l’Ultra Istinto.

Abilità combattive

Merus e Moro
Merus lotta con Moro nel capitolo 47 di Dragon Ball Super.

Attualmente non sono state mostrate tutte le abilità di Merus. Questi possiede indubbiamente un’incredibile velocità, oltre alla capacità di usare i gadget della Pattuglia Galattica quali la Pistola a Raggi Laser e gli Stivali a Razzo. Probabilmente la sua caratteristica più sorprendente è il controllo dell’Ultra Istinto. Quest’informazione viene rivelata al termine del capitolo 52, quando il Pattugliatore si scontra con Goku durante un allenamento. Non è ancora chiaro il modo in cui abbia appreso quest’abilità, né se riesca a controllarla completamente.

Merus mostra di essere in grado di schivare facilmente gli attacchi di un Super Saiyan 3, senza tuttavia reagire. Il mistero sul suo potere offensivo permette ai fan di elaborare alcune teorie sul motivo per cui non è intervenuto in passato. In effetti, data la sua forza, non è chiaro perché Merus non abbia combattuto e fermato il primo Freezer, Cell oppure Majin Bu. È possibile che la sua padronanza dell’Ultra Istinto non gli conferisca sufficiente potere d’attacco per sconfiggere un nemico, bensì solo la capacità di schivare e difendersi. Ciò spiegherebbe anche perché un essere in grado di padroneggiare l’Ultra Istinto necessita dell’aiuto di due Saiyan e del Grande Kaiohshin per fermare Moro, avversario che, in principio, ha avuto difficoltà a lottare contro un Super Saiyan Blu.

Merus come Angelo

Merus e il Daishinkan
Merus e il Daishinkan.

Il mistero creatosi intorno alla figura di Merus ha permesso l’elaborazione di differenti teorie sulla sua origine e reale identità. In particolare tra tutte spicca quella che eleva il personaggio al rango di Angelo. Sebbene non sia stata data alcuna conferma ufficiale, vi sono notevoli indizi che depongono a favore di questo orientamento.

Innanzitutto vi è un’insolita somiglianza tra Merus e il Daishinkan. Gli occhi, la bocca, i capelli e le orecchie sono davvero simili: ciò non indica di certo che si è in presenza di un Angelo, ma può deporre a favore dell’appartenenza di Merus alla stessa specie, finora sconosciuta, del Grande Sacerdote. D’altra parte il colore della pelle differisce leggermente, alimentando quindi i dubbi su un possibile collegamento tra i due.

In secondo luogo Merus mostra di essere a conoscenza e, probabilmente, di aver appreso l’Ultra Istinto. Quest’abilità è rimasta, per il momento, riservata agli Angeli. Nemmeno Beerus è riuscito a padroneggiarla completamente, mentre Goku la sblocca solo temporaneamente e inconsciamente, senza poterla controllare. Se nei prossimi capitoli Merus mostrerà di saperla sfruttare secondo la propria volontà, il suo collegamento con il mondo divino diverrà ancora più saldo.

Il collegamento con Whis

Merus e Whis
Nel capitolo 51 Merus utilizza contro Goku la stessa mossa usata da Whis ne La resurrezione di ‘F’.

In terzo luogo il Pattugliatore Galattico Numero Uno utilizza una serie di tecniche di combattimento in passato attribuite a Whis. La posa assunta da Merus al termine del capitolo 52 e il modo in cui contrattacca Goku Super Saiyan nel capitolo 51 ricordano molto due scene mostrate nel manga Dragon Ball Z: La resurrezione di ‘F’. In queste Goku e Vegeta si stanno allenando con Whis sul pianeta di Beerus e l’Angelo sfrutta l’Ultra Istinto per schivare e deviare senza alcuno sforzo gli attacchi dei due Saiyan.

Merus e Whis
Nel capitolo 52 Merus adotta la stessa posa da combattimento di Whis ne La resurrezione di ‘F’.

La riproposta delle stesse pose può avere due implicazioni distinte. Da un lato può essere una conferma dell’abilità di Merus di controllare l’Ultra Istinto e, quindi, della sua appartenenza alla schiera delle divinità. Dall’altro può anche rimandare a un collegamento stretto tra il Pattugliatore Galattico e Whis, presumibilmente nelle vesti di studente e maestro. È infatti possibile che Merus non sia un Angelo, ma sia stato addestrato da uno di questi, nello specifico da Whis. Ciò permetterebbe di risolvere anche la principale incongruenza implicata in questa teoria: gli Angeli non possono combattere. Il membro della Pattuglia Galattica, al contrario, mostra di poter attaccare senza esitazione il principale villain della saga attualmente in corso, Moro.

Merus alcohol
Come per tutti gli Angeli, anche il nome Merus rimanda a un alcolico.

Infine il nome di Merus, così come avviene per tutti gli Angeli in Dragon Ball Super, rimanda a un liquore.

I nomi degli Angeli e i rispettivi alcolici

AngeloAlcolicoUniverso
AwamoAwamori1
SourSour2
CampariCampari3
CognacCognac4
CukatailCocktail5
VadosCalvados6
WhisWhiskey7
KornKornbrand8
MojitoMojito9
KusuKuusuu10
MarcaritaMargarita11
MartinuMartini12

Credi che questi indizi siano sufficienti per affermare che Merus è in realtà un Angelo? Quale potrà essere il suo vero potere? Non esitare a commentare con la tua opinione!

Non perdetevi il capitolo 53 che uscirà ufficialmente domenica alle 17 su Mangaplus!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

commenti nanatsu no taizai

Commenti a Caldo – Nanatsu no Taizai: Kamigami no Gekirin

Commenti a caldo – Blade of the Immortal