in

Commenti a caldo – Isekai Cheat Magician

Prime impressioni Isekai Cheat Magician

Introduzione

Isekai Cheat Magician (Isekai Chīto Majutsushi) è una serie di light novel originariamente scritte nel 2012 da Takeru Uchida poi riadattata in manga nel dicembre del 2016. Ad interessarsi all’opera è stato lo studio Encourage Films che lo sta attualmente riportando sul piccolo schermo. La serie è reperibile su Crunchyroll.

Lo studio che lavora a quest’opera è pressocché sconosciuto e molto piccolo (dato che conta solamente 7 membri). La direzione è a carico di Daisuke Tsukushi, il character design è stato affidato a Shuji Maruyama.

Trama

La storia è incentrata su Taichi Nishimura e la sua amica Rin. Catapultati inspiegabilmente in un altro mondo dopo essere stati avvolti da una misteriosa luce, i due che nel mondo reale sono due studenti nella ‘media’, in questa nuova realtà dimostrano di possedere abilità fisiche e poteri magici fuori dal comune. Inizia così l’avventura da “maghi di alto livello”.

Impressioni a “caldo”

In questo articolo alcuni membri dello staff di Otaku’s Journal andranno a riportare le loro impressioni personali ad ogni episodio del succitato anime. L’articolo sarà aggiornato ogni volta che un nuovo episodio verrà rilasciato. Ovviamente aspettiamo anche i vostri commenti.

Attenzione: sono presenti spoiler!

Episodio 1 – I “Dispersi” da un altro mondo

Isekai Cheat Magician prime impressioni
Axel

Inizio con il dire che questo primo episodio non mi ha stupito particolarmente, anche se è qualcosa di sicuramente giustificabile: vi spiego subito perché. L’anime, come si può già capire dal nome, è un isekai, ovvero tutta quella fetta di opere che sono ambientate in altri mondi in cui i protagonisti, per un motivo o per un altro, vengono trasportati. Questo genere ha spopolato negli ultimi anni portando moltissimi studi ad interessarsi e, quindi, a produrre una grossa quantità di serie. Personalmente, ho visto moltissimi isekai e almeno la metà di questi iniziavano esattamente come l’opera in questione, ovviamente non mi sarei aspettato nulla di diverso né tantomeno di originale, anche perché non credo che si sarebbe potuto iniziare in altro modo. I protagonisti, rigorosamente un ragazzo e una ragazza che frequentano le superiori e che sono vecchi amici, vengono trasportati in un altro mondo a seguito di un’evocazione fatta da quella che sembra essere, a tutti gli effetti, una principessa.
Fin qui nulla di strano, se non fosse per un avvenimento particolare che introduce un elemento interessante nella storia: infatti, qualcuno tenta di assassinare la principessa ed interrompere il rituale di evocazione. Dopo il tentanto omicidio non rivedremo più l’assassino e i suoi eventuali compagni fino alla fine dell’episodio. Di sicuro, se gestito in maniera efficace, questo elemento potrebbe rendere la storia molto più interessante.
Il comparto grafico è nella norma, anche se con qualche difetto tecnico. Il character design è, tutto sommato, buono così come la qualità generale dei disegni. Quello che mi ha fatto storcere un po’ il naso sono i cali di frame abbastanza vistosi anche se molto poco frequenti. I pochi elementi presentati dalla trama, però, sembrano promettere bene, quindi non ci resta che aspettare di vedere come andrà a finire.

Episodio 2 – “L’addestramento magico”

Isekai Cheat Magician prime impressioni
Isekai Cheat Magician prime impressioni
Axel

Ebbene sì, è arrivato il momento in cui i nostri due “cheater” imparino ad usare i loro poteri. Come ogni isekai fantasy l’episodio (o più) in cui il protagonista impara ad usare i propri poteri è imprescindibile e nemmeno Isekai Cheat Magician fa eccezione. Ovviamente la velocità di apprendimento dei due è formidabile e, fortunatamente, viene dedicato poco spazio all’addestramento. Al contrario, le spiegazioni sono abbastanza lunghe e interessanti, anche se la cosa che mi ha stupito di è stata la distinzione tra maghi e stregoni: un dettaglio minore che aggùgiunge quel tocco in più. Dal punto di vista tecnico non cambia quasi nulla, eccezion fatta per i cali di frame che, in questa puntata, non si sono visti. Finalmente ci viene rivelato qualcosa in più riguardante i “dispersi”, sia chiaro: nulla che non si fosse già capito in precedenza, ma che comunque contribuisce alla godibilità dell’episodio. Tirando le somme possiamo dire che questo sia un passaggio fondamentale ai fini della trama, anche se un po’ noioso. In ogni caso è stato reso molto bene e, soprattutto, godibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

fire force commenti a caldo

Commenti a caldo – Fire Force

Commenti a caldo – Vinland Saga