in , ,

Hikikomori: un problema in continua crescita

Hikikomori

Negli anime abbiamo visto gli hikikomori, termine giapponese usato per riferirsi a coloro che hanno scelto di ritirarsi dalla vita sociale, prendere le vesti più disparate: artisti-eremiti come in Eromanga Sensei, star di anime isekai che lasciano le loro camere piene di scarti di snack vari per immergersi in un mondo ricco di avventure e giovani che si rinchiudono nella propria camera guidati dal loro affascinante cinismo verso la società. E nella maggior parte dei casi situazioni del genere finiscono per essere risolte con la giusta dose di romanticismo o coi giusti contatti.

Tuttavia, come per la maggioranza delle opere di finzione, ciò non rappresenta neanche lontanamente la realtà. La situazione e i problemi a cui gli hikikomori sono soggetti sono infatti piuttosto gravi e purtroppo sia i loro numeri sia la fascia di età colpita si allargano sempre di più.

🔔Un sondaggio condotto da KHJ National Hikikomori Association of Families Federation ha infatti rivelato che l’età media degli hikikomori è 34.4 anni, 4 anni più alta comparandola a quella di 10 anni fa. Un numero enorme di famiglie è iscritto all’associazione, sono infatti 80 solo quelle provenienti dalla prefettura di Kochi, e altrettante le voci che esprimono preoccupazione per il futuro del propri figli nel momento in cui non avranno più il loro supporto.

Anche il governo giapponese parla di numeri molto preoccupanti, dichiarando che sono oltre mezzo milione le persone tra i 15 e i 39 anni che vivono in una situazione di reclusione sociale.
Un’ovvia conseguenza è quindi l’aumento del numero di famiglie costrette a mantenere figli anche ultra 50enni con le proprie pensioni, generando così un circolo in cui anche la famiglia del soggetto colpito si trova in difficoltà economiche e sociali.

Il fine ultimo di KHJ è quindi quello di condurre delle campagne di sensibilizzazione e di informazione sul problema degli hikikomori in modo da liberarne la società dalla disinformazione e far sapere agli hikikomori stessi che sono disponibili diversi dispositivi d’aiuto.

👁‍ E voi cosa ne pensate?

Secondo voi dov’è da ricercare la causa del problema?

Conoscete qualche persona che si trova in una situazione del genere?

Fateci sapere la vostra!

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

“B: The Beginning” – annunciata la seconda stagione

Masaaki Yuasa al lavoro su un nuovo film animato