in ,

Il Gion Festival

Ehi tu! Esatto dico proprio a te che stai leggendo, hai la possibilità di contribuire al 1150esimo anniversario del “Gion Festival”.

Cos’è il Gion Festival?

La folla di persone vista dall’alto

Il festival che si svolge nella seconda metà di Maggio, a Kyoto, ovvero il rinomato Gion Festival, è probabilmente il più grande evento di tutto l’ anno. Per 1.150 anni, è andato avanti nonostante le aspre perturbazioni e il sovraffollamento. Solo recentemente però, l’organizzazione alle spalle di questa fiera è stata aggiornata.

Per il terzo anno consecutivo, la Gion Festival Yamaboko Union Association ha avviato una campagna di crowdfunding per raccogliere fondi per due motivi: sicurezza e rifiuti.

Ma cos’è il crowdfunding?

Il crowdfunding (termine inglese, da crowd, “folla“, e funding, “finanziamento“), in italiano finanziamento collettivo, è un processo collaborativo in cui un gruppo di persone utilizza il proprio denaro per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni.

Potresti già saperlo o no, ma il Gion Festival è un po’ un grosso problema. Non solo i giapponesi scendono in strada in massa, ma anche i visitatori di altri paesi lo fanno, e le loro visite tendono a provocare un sacco di confusione e un  notevole accumulo di rifiuti per le strade.

Tipiche usanze del festival

Fino agli ultimi anni, i costi di pulizia sono stati lasciati alla gente di Kyoto e alla Yamaboko Union Association, così hanno avuto l’idea di iniziare la loro prima campagna di crowdfunding nel 2017. Nel suo primo anno, l’obiettivo principale era quello di raccogliere 3 milioni di yen (24.423 €) per migliorare la sicurezza e il controllo del traffico, e l’obiettivo è stato raggiunto senza problemi. L’obiettivo del 2018 era quello di aumentare invece la stessa quantità di denaro per gestire i rifiuti, costruendo aree di smaltimento pubbliche suddivise per tipo; ciò comunque è sempre andato a buon fine.

Come con la maggior parte delle campagne di crowdfunding, questo viene fornito con alcuni premi allettanti per i sostenitori. Una donazione di 5.000 yen, infatti, ti porterà alla vincita di una salvietta dal design originale.

Se donate 10.000 yen, invece, otterrete il panno più un chimaki speciale (ovvero uno gnocco di riso cotto a vapore avvolto in foglie di bambù) dal Santuario Yasaka. Si dice infatti che questo cibo liberi dalle malattie per un anno, a patto che venga appeso fuori dalla porta principale.

Una donazione di 20.000 yen ti ricompenserà con un bellissimo ventaglio in stile giapponese che recita “Gion Festival” su di esso, scritto tramite kanji.

Se hai 1 milione di yen da “sborsare”, sarai uno dei 50 fortunati partecipanti a un culto ufficiale dei santuari Yasaka all’interno dello stesso santuario, seguito da un pasto con i membri ufficiali della Yamaboko Union Association.

Il portale principale del Santuario Yasaka

L’obiettivo del 2019 è lo stesso degli anni precedenti della campagna: raccogliere 3 milioni di yen per migliorare sia la sicurezza che il controllo dei rifiuti. A 69 giorni dalla fine, i partecipanti hanno già raccolto oltre 2,3 milioni di yen, quindi siamo fiduciosi che anche quest’anno riusciranno a raggiungere il loro obiettivo e renderanno questa la migliore festa di sempre!

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Joseph Joestar

Joseph Joestar

Samurai Champloo

Un anime per ogni era giapponese?