in ,

Galleria d’arte: Posuka Demizu

Nome dell’artistaPosuka Demizu
Nome di battesimo出水ぽすか
Data di nascita10 gennaio 1988
Luogo di nascitaTokyo
Opere principaliThe Promised Neverland

Lista delle opere

The Promised Neverland: La famosa storia degli orfani di Grace Field House. (Nota: storia di Kaiuu Shirai).


Poppy no Negai: Uno oneshot che racconta la storia di Poppy, un tostapane che desidera diventare umano.


Kirugumi: Una delle prime opere dell’illustratrice (Nota: storia di Yuu Takeuchi). Genere: Light novel.


Pone: Artbook nel quale l’illustratrice esibisce numerose sue tavole.


Illustration 2019: Sketchbook, raffigurante varie bozze di disegnatori (Nota: copertina di Posuka Demizu).

Galleria d’arte

Come al solito ecco elencati i tre punti fondamentali che andremo ad analizzare nelle illustrazioni:

  • Primo impatto visivo
  • Significato/tematiche affrontate
  • Materiali utilizzati

Opera 1: Tecnologia

Critica a prima vista

Una delle illustrazioni di Posuka a cui sono maggiormente affezionato, essendo la prima di una lunga serie.

Partiamo dal presupposto che Posuka Demizu possiede uno stile di una grande creatività e i personaggi presenti nelle sue illustrazioni sono più che semplici comparse, certi sono veri e propri protagonisti di numerosi scenari (sempre creati dall’artista). Non vorrei dilungarmi troppo (anche se penso che oramai sia evidente la mia netta preferenza), dunque, cominciamo.

I protagonisti della scena, sono una ragazza e quello che a primo impatto potrebbe sembrare un drago che fuoriesce dal telefono della giovane.

Significato/tematiche

Il messaggio lanciato dalla mangaka, potrebbe risultare molto chiaro, tanto che non dovrebbe nemmeno servire una vera e propria interpretazione. Internet, è una delle piattaforme più utili e vaste ai giorni d’oggi, rappresenta un punto di incontro per gli appassionati e per chi costantemente in cerca di informazioni. Nonostante ciò, il social network presenta dei “lati oscuri“, come il cyberbullismo, oppure può creare delle vere e proprie reclusioni dal mondo esterno, influenzando negativamente la mente dell’utilizzatore. Voi che ne dite? Vi sembra un significato adeguato per l’opera?

Materiali utilizzati

Beh qui c’è poco da dire per Posuka, intendiamoci, lei usa per la colorazione solo ed esclusivamente la tavola grafica con i suoi mille effetti, non voglio sminuirla anzi, per me è una maestra nel dare il colore, perciò mi limiterò a fare dei piccoli accorgimenti sui dettagli/effetti apportati per l’appunto dalla grafica. Per esempio: in questa illustrazione un particolare interessante è la fioca luce azzurra che illumina la stanza.

Opera 2: Cyberbullismo

Critica a prima vista

Anche questa illustrazione si preannuncia interessante, sono visibili una ragazza (wow! Ora che ci penso non abbiamo mai avuto protagonisti maschili, sarà un segno?) e un enorme serpente nero che occupa la maggior parte della scena. La giovane è rappresentata mentre usufruisce del suo computer, ignara della presenza del rettile, che al contrario, è immortalato con la bocca spalancata, come se volesse divorare la bambina.

Significato/tematiche

Prima discutevamo dei pro/contro della tecnologia, il cyberbullismo come abbiamo detto prima, per esempio, è un grosso problema correlato all’esistenza dei social network. Forse il significato è meno visibile in questa nuova illustrazione, ma se associamo questo fenomeno al serpente raffigurato e ci sforziamo un poco, il tutto figurerà nella nostra mente. Dunque la bambina trascorre pacificamente il suo tempo su internet, non consapevole dei pericoli che questo nasconde al suo interno.

Materiali utilizzati

Altri piccoli accorgimenti su questa tavola: notare le ombreggiature ed il senso di luminosità dati sempre dalla tavola grafica, per conferire al disegno più significato e donargli un’aria di mistero.

Opera 3: Quotidianità

Critica a prima vista

Nonostante sia la mia illustratrice preferita, devo ammettere che i suoi disegni sono veramente complicati da analizzare, serve molta fantasia! Per questo, come finale questa volta ho scelto un qualcosa un poco più “soft”. Per chi conosce bene l’autrice e la segue sui social, (forse), non servirebbe nemmeno spiegare il disegno, ma tranquilli, non parleremo di argomenti complicati.

Significato/tematiche

Non so voi, ma a me questa tavola piace molto. Non parleremo di significati veri e propri, bensì di ciò che la mangaka volesse rappresentare. Poco tempo fa, infatti, Posuka Demizu aveva voluto dedicare uno schizzo ai suoi colleghi di lavoro (su twitter) ed ecco l’origine del dipinto. L’autrice ha rappresentato lo studio in cui ella lavora quotidianamente (la si può riconoscere chiaramente nella ragazza con i capelli verdi) mentre alla sua sinistra vi è il suo collega, colui che si occupa dello svolgimento grafico del disegno. Ovviamente all’opera sono stati apportati dei piccoli tocchi di cretività, che come sappiamo non fanno mai male.

Materiali utilizzati

Come al solito, la disegnatrice usufruisce della tavola grafica per la colorazione. Un piccolo particolare che vorrei farvi notare nell’illustrazione, sono gli “sbordacci” visibili solo per ingrandimento del disegno. Detto così potrebbe suonare un poco male, ma questo è lo stile dell’illustratrice e a parer mio calza a pennello in tutte le sue opere. Voi cosa dite?

Considerazioni personali

H A T O

Allora, se fosse per me vi terrei qui dentro ore su ore, Posuka Demizu è la mia disegnatrice preferita (la seguo da quasi 11 anni oramai) e a parer mio tutti dovrebbero dare un’occhiata ai suoi lavori. Chi mi conosce su Telegram ha una vaga idea di quanto sia grande la mia passione eheh (spammo sue illustrazioni ogni tre per due). La cosa che mi ha stupito di più nella sua tecnica sono i colori, ne sono rimasto subito incantato. Tu che stai leggendo, ti affascina l’arte di Posuka? Fammelo sapere nei commenti.

Link utili (conclusione)

Eccoci ai saluti, un altro episodio è concluso, come al solito vi invitiamo a commentare per dire la vostra e nel frattempo ecco a voi dei link utili.

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

reg

Intervista allo staff di Made in Abyss

Weathering with you agli Academy Awards