in

Cowboy Bebop: un salto nel blues

Se un amico vi chiedesse di un anime anni ’90 da non perdere o da riscoprire, voi cosa gli consigliereste? Se fosse per me la scelta ricadrebbe sicuramente su Cowboy Bebop.

Pietra miliare dei generi fantascientifico e noir, l’opera ha già compiuto 20 anni e neanche a farlo apposta fu la prima serie a debuttare sull’Anime Night di MTV.

Solo 26 episodi, caratterizzati da un design di personaggi e ambienti ricco e ispirato e dai tratti precisi. Questi narrano le vicende di un gruppo di cacciatori di taglie spaziali (detti appunto cowboy), che si avventurano da un pianeta all’altro a bordo della loro astronave (il Bebop).

Basta poco per accorgersi del taglio maturo che contraddistingue la serie, infatti ogni protagonista è accompagnato da rimorsi legati al passato quali traumi, abbandoni inspiegati, disillusione e tradimenti; tutto è circondato da un’atmosfera malinconica.

La forte analisi introspettiva tende a far emergere questi ultimi aspetti.
Spike, il personaggio principale, ne è l’esempio più chiaro, all’apparenza giovane e audace, ma allo stesso tempo tormentato dal misterioso abbandono dell’unica donna che abbia mai amato. È portato ad avere diverse volte un atteggiamento disilluso che si distacca da quello di un classico eroe.

La principale fonte di ispirazione fu proprio Lupin III, che insieme a Jigen e Fujiko rispecchiano vagamente i contorni dei tre personaggi principali.

Numerose e profonde le citazioni filosofiche legate all’esistenza umana non tolgono spazio ai momenti più scanzonati, che riescono a strappare più di un naturale sorriso. Il veloce succedersi degli intricati eventi rende il ritmo sempre più incalzante e non c’è mai l’occasione per annoiarsi o distrarsi.

La musica è una componente fondamentale per la serie, non solo proponendo vari stili a seconda della situazione, ma la maggior parte degli episodi riprende i titoli di canzoni storiche come Bohemian Rhapsody (Queen) Sympathy for the Devil (Rolling Stones) e molte altre.

Se siete dunque alla ricerca di un anime ricco d’azione e suspense, ma capace di emozionare grazie ad una storia unica e nel caso la musica fosse una vostra grande passione non saprei consigliarvi di meglio.

Cowboy Bebop entra di diritto tra gli anime per me più rappresentativi, probabilmente nella top 3… magari dietro ad Hunter x Hunter, ma addirittura davanti ai ricordi di Digimon e Monster Rancher.

See you space cowboy…

Un saluto dal Geko.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

Comments

0 comments

Kaiba personaggi

[Analisi] Kaiba.

San Valentino in Giappone