in

Commenti a caldo – Blade of the Immortal

Blade of the Immortal ( 無限の住人, Mugen no Jūnin, lett. “L’abitante dell’infinito“) è una serie animata trasmessa in Italia da Prime Video. Tratto dall’omonimo manga scritto e disegnato da Hiroaki Samura, pubblicato a partire dal lontano dicembre 1993 e conclusosi nel Natale del 2012.

La realizzazione dell’anime è stata affidata allo studio Liden Films, relativamente nuovo data la sua fondazione nel 2012, ma che annovera già serie animate di livello come Terra Formars e Arslan Senki. Alla regia, invece, troviamo Hiroshi Hamasaki, che di esperienza ne ha sicuramente molta, tra le sue opere più famose troviamo Texhnolyze, non c’è bisogno di aggiungere altro. La sceneggiatura è stata affidata a Makoto Fukami, giovane talento dell’animazione giapponese, artefice della serie animata di Psycho-Pass. Per la colonna sonora troviamo invece una musicista alla prima esperienza nel campo dell’animazione, Eiko Ishibashi.

Trama

Manji è uno spadaccino marchiato dalla maledizione della vita eterna. È cresciuto stanco di vivere con tutta la morte che ha creato intorno a lui. Non sa fare altro che uccidere, così decide di attuare un piano per recuperare la sua mortalità: uccidere cento uomini malvagi per ogni uomo buono che ha ucciso. La vecchia strega, fautrice della maledizione, accetta la sua proposta. Durante il viaggio incontra una giovane ragazza, Rin, alla ricerca di vendetta contro la scuola di spada che ha assassinato la sua famiglia. Uniti in questo viaggio sono alla ricerca di pace si aiuteranno a vicenda per evitare di essere consumati dalla vendetta.

Impressioni a “caldo”

In questo articolo alcuni membri dello staff di Otaku’s Journal andranno a riportare le loro impressioni personali ad ogni episodio del succitato anime. L’articolo sarà aggiornato ogni volta che un nuovo episodio verrà rilasciato. Ovviamente aspettiamo anche i vostri commenti.

➡️ Ti potrebbe interessare: Commenti a caldo

Attenzione: sono presenti spoiler!


Act I – A meeting

il_baghi

Il primo episodio per me si potrebbe descrivere con una sola parola: promettente. Non avendo nè letto, nè visionato i prodotti precedenti a questo (nella fattispecie il manga da cui è tratto e la prima trasposizione animata), le aspettative erano pressochè nulle. Conoscevo solo la trama, a grandi linee… E invece lo stupore per quanta carne abbia potuto mettere al fuoco, si è impossessato di me.
Una partenza assolutamente non banale, diretta, senza fronzoli. Pochi minuti iniziali di puro caos, apparentemente decontestualizzati, che forse confondono lo spettatore. I colori tenui, così lontani dall’essere brillanti, e questo smodato uso del bianco accecante, trasmettono una gravità non indifferente. Un insieme di aspetti forse non ancora nitidi creano senza dubbio l’atmosfera perfetta per determinate scene dove la tensione è regina. Scene crude, forse un po’ “forti” per me, ma assolutamente azzeccate ed in linea con tutto il resto.
Si allontana dal classico anime stagionale, di solito leggero e sgargiante. Siamo già (quasi) nel vivo della storia, ed è insolito. Promettente, appunto.

Vieilocean

Premetto di non aver letto mai l’opera originale scritta da Hiroaki Samura. Ammetto di essere stato attirato alla visione di questo anime quasi esclusivamente dalla stima che provo nei confronti del regista Hiroshi Hamasaki, artefice della direzione di quel capolavoro intitolato Texhnolyze. E sarò onesto, qualche aspettativa me la sono fatta.

Inizio a vedere il primo episodio, e resto piacevolmente sorpreso nello scoprire come la scena iniziale è un tributo all’incipit di Texhnolyze. Il flashback sul passato di Manji è girato allo stesso identico modo della scena di combattimento presente nei primi minuti di Texhnolyze. Un bianco quasi accecante, un filtro a metà tra un’interferenza e una cinepresa analogica, i suoni tutti sordi escluso il “rintocco” del mulino. Un omaggio velato ma estremamente evocativo, che non va in alcun modo ad intaccare lo spirito dell’opera di Samura.

Passando alla trama e ai personaggi, essendo il primo episodio non c’è molto da dire, tuttavia risulta palese il target di pubblico a cui è destinata l’opera, ovvero a soli adulti. Non tanto per le numerose scene cruente, ma per l’atmosfera disturbante nella quale l’anime fa piombare lo spettatore. La scena dove il primo componente dell’ Itto-Ryu svela le teste delle sue amanti cucite sulle spalle, difficilmente svanirà dalla mia mente.


Act II – Founding

il_baghi

Se il primo episodio era stato giudicato nell’insieme, avendo quel sentore di novità, nel secondo l’attenzione è posta maggiormente sui personaggi e le loro vicende. Avverto una certa malinconia, un senso di pesantezza al cuore durante la visione. L’anime continua a trasportare, con semplicità e maestria. Conosciamo meglio Mr Manji, che altro non sembra se non il classico uomo isola. I tratti e le cicatrici del suo volto si rifanno al suo esplicito pragmatismo, così distintivo.
La scena che mi ha colpito di più è stata il dilemma su quale tipo di rosso fosse il più adatto per dipingere, per sprigionare l’essenza calda di questo colore. E quale meglio di quello del sangue? Il rosso per antonomasia. Questa chicca è stata l’apice dell’episodio, per quanto mi riguarda.
La trama, invece, come si evolverà? Rin e Manji continueranno a fare “coppia” o le loro strade si divideranno? Saranno sempre i loro avversari a scovarli, oppure sarà l’improbabile duo ad indire una caccia all’uomo (o agli uomini) per pura vendetta?
Menzione speciale per la ending: titoli di coda, buio. Solo il suono di quello che parrebbe uno shamisen. Sipario. Tutto è stato incastrato alla perfezione. Un inchino.

Vieilocean

Il secondo episodio è diviso fondamentalmente in due parti. La prima è dedicata al pittore/samurai, un personaggio alquanto eccentrico, al punto da trasformare notevolmente i toni dell’anime rispetto a quanto visto fino ad ora. Quell’aura di solennità che circondava il primo episodio, viene infatti infranta da un velo di comicità e leggerezza, che mi ha sinceramente spiazzato. Non in senso negativo, al contrario, mi ha stupito la capacità di Samura di passare abilmente da scene disturbanti, come il guerriero a tre teste dell’Itto-Ryu del primo episodio, a vere e proprie gag comiche; basti pensare alla faccia del pittore quando gli viene calpestato il dipinto.

Nella seconda parte tornano i toni cupi del primo episodio. Molto evocativo lo scenario dove si svolge il combattimento tra Manji e Taito Magatsu. Quest’ultimo, a differenza dei precedenti guerrieri dell’Itto-Ryu, riesce a sopravvivere alla spada di Manji, probabilmente rivestirà un ruolo importante più avanti nella trama. Ma arriviamo al nodo di questo secondo episodio: è possibile che Manji sia spinto a proteggere Rin solamente perché vede in lei la sorella che non è riuscito a proteggere anni prima? Se fosse così risulterebbe esageratamente banale. Ma è troppo presto per dare giudizi… Sono ancora molti i tasselli mancanti.


Act III – Dream Pangs

il_baghi

La musica iniziale è semplicemente evocativa, verrà poi ripresa in un momento chiave della narrazione. Trasporta lo spettatore con dolcezza ma decisione, lontano dal luogo in cui si trova.
Di questa puntata mi sono rimaste impresse due cose: gli occhi di Manji e il sangue. I primi, di un grigio profondo, penetrano lo schermo e comunicano molto più di quanto facciano le sue parole. Eloquenti, soprattutto durante l’incontro con Makie. Il sangue in questo frangente diviene il re: viene fatto schizzare in modo prepotente, come su una tela dove si adagia perfettamente.
La battaglia con Makie sembra essere più impegnativa del previsto – ho apprezzato particolarmente la finestra sulla sua vita, che ci mostra la condizione della donna a quei tempi – e i movimenti dei due sono molto realistici e ben definiti. Rin ancora una volta salva Mr Manji, in un modo apparentemente dettato dal caso, ma in realtà grazie alla sua dedizione e al fatto di avere uno scopo ben preciso per andare avanti. Pare essere questo il loro destino. I nemici uno dopo l’altro si dileguano, restano loro due sul sentiero. Chi sarà il prossimo? Spero vivamente non diventi una formula canonica questa, anche se la vedo dura.

Vieilocean

Il terzo episodio è incentrato su Makie Otonotachibana, un personaggio meraviglioso, creato ad arte da Samura. Attraverso la storia di Makie, l’autore descrive la figura della donna ai tempi dello shogunato Tokugawa. Un periodo storico nel quale le donne non avevano alcun valore, se non quello di mero oggetto sessuale. Makie diventa una spadaccina proprio per fuggire dal mondo della prostituzione. Ma il destino non è clemente con lei. Makie si innamora di Kagehisa Anotsu, il leader dell’Itto-Ryu, ma è consapevole come quest’ultimo vuole solamente sfruttare la sua abilità con la spada. Qui si concentra il dilemma esistenziale di Makie: essere una prostituta o un spadaccina? Essere sfruttata per la sua bellezza o per la sua bravura? Dare piacere agli uomini o ucciderli? A Makie non piace nessuna delle due possibilità. Nel finale dell’episodio, viene convinta da Rin a risparmiare Maji. La giovane ragazza le mostra qualcosa che lei non possiede, un motivo per combattere. Per questo motivo Makie abbandona la vita da spadaccina e torna a fare la prostituta. Ripeto, personaggio bellissimo, spero soltanto che non sia la sua ultima comparsa.


Act IV – Rin at Odds

il_baghi

Devo ammettere che questo è l’episodio che mi è garbato di meno fino ad ora, sarà per la quasi assenza di Manji?
Rin non riesce a tenere in piedi la scena da sola, fortunatamente ci pensa Kagehisa Anotsu, nonchè nemico numero uno della ragazza. Il leader dell’Itto-Ryu appare quasi accondiscendente, le spiega pacatamente che i sentimenti che li guidano non sono poi così dissimili: Rin vuole vendicare il padre, ucciso da Kagehisa, così come lui l’aveva assassinato per lo stesso motivo.
Mi è sembrato tutto molto artefatto, una parentesi moralista che forse non meritava il tempo che si è presa.

Vieilocean

Il quarto episodio getta un po’ di luce sul misterioso antagonista dell’anime, Kagehisa Anotsu, leader dell’Itto-Ryu. L’episodio comincia con un flashback sul passato di quest’ultimo, incentrando l’attenzione sulla figura autoritaria del nonno. Finito il flashback, la scena torna su Manji impegnato a insegnare qualche colpo di spada a Rin. Tuttavia la ragazza sembra non avere alcuna attitudine al combattimento. Dispiaciuta, va nel bosco a distrarsi un po’. Il fato vuole che lì incontri proprio l’obiettivo della sua vendetta, Kagehisa Anotsu. Dopo un brevissimo scontro, data la manifesta inferiorità di Rin, Kagehisa spiega il motivo per il quale ha ucciso il padre della ragazza: vendetta, lo stesso sentimento che sta spingendo anche la giovane protagonista. Inoltre, Kagehisa le spiega i valori del suo dojo: utilizzare qualsiasi arma con qualsivoglia stile di combattimento, l’importante è lottare uno contro uno. Una blasfemia per i dojo canonici che seguono ferree regole per ogni stile di combattimento. Nel finale di episodio la narrazione torna sul passato di Kagehisa, sempre attraverso un flashback spiega come sia riuscito, in giovane età, a diventare il leader dell’Itto-Ryu.

Ho un unico dubbio sull’intero episodio: chi è la ragazza che salva la vita a Kagehisa quando era bambino? In quei pochi frame che la raffigurano sembra assomigliare terribilmente a Rin, il taglio degli occhi e il kimono cremisi sembrano essere fin troppo simili. Ma per ovvi motivi (temporali) è impossibile che si tratti di lei. Chissà se verrà mai svelata l’identità di questo misterioso personaggio.


Act V – Song of the Bugs

il_baghi

Finalmente un personaggio come si deve: Eiku Shizuma. Fa capolino dunque un altro immortale (o quasi), chi se lo sarebbe aspettato? C’è da dire che molti risvolti paiono abbastanza telefonati, come l’incontro tra lui e Manji: chi ha davvero pensato fosse un monaco? O come l’inequivocabile fine dell’episodio, dove le parole di Rin riescono, in un modo o nell’altro, ancora, a far desistere qualcuno.
L’intera faccenda dei bloodworms è poi per me alquanto affascinante. Nonostante donino una rigenerazione dei tessuti e delle ferite molto veloce, non rendono “veramente” immortale qualcuno. O meglio, non a tempo indeterminato. Ci viene detto e mostrato chiaramente.
Altro aspetto che viene enfatizzato particolarmente sono i tratti del viso. Sono quasi… Reali. Non c’è altro modo per descriverli. Eseguiti in maniera magistrale, rendono i personaggi sempre più verosimili. Vivi.
Ora non ci resta altro che attendere gli sviluppi, soprattutto per quanto riguarda il fatidico incontro (o meno) con Kagehisa.

I secondi iniziali su quello sfondo bianco richiamano il leitmotiv della puntata: i bloodworms. Sale di diritto in cima alle mie preferenze, scivoloni (forse) prevedibili a parte. Molto bella e sentita.

Vieilocean

Dopo il surreale interludio della precedente puntata, la narrazione torna alla sua forma canonica. Il quinto episodio è infatti incentrato su di un altro guerriero dell’Itto-Ryu, Eiku Shizuma. Come è avvenuto per tutti gli altri, la lotta mortale che ne scaturisce è sopratutto morale/psicologica/filosofica. Eiku possiede infatti la stessa capacità di Manji: l’immortalità. Avendo vissuto più di duecento anni, Eiku ha visto morire innumerevoli persone a lui care, e ne ha uccise altrettante. Il tema dell’episodio non è la morte, ma il terrore di non lasciarsi nulla dietro dopo essere passati a miglior vita. Per questo Eiku propone a Manji di unire le loro forze per uccidere Anotsu, vuole prendere le redini dell’Itto-Ryu e diventare chi rivoluzionerà il mondo della spada, lasciando quindi un segno indelebile nella storia dell’umanità. Anche questa volta è Rin salvare la vita di Manji. La giovane ragazza convince Eiku che la sua filosofia di vita non ha avuto e mai avrà senso, per questo il samurai centenario si lascia colpire mortalmente dal prevedibile attacco di Manji. Eiku ha finalmente accettato la morte.


Act VI – Wing Roots

Rin
il_baghi

Sinceramente il format che segue lo svolgersi degli eventi sta diventando un po’ prevedibile e ripetitivo.
Oltre ciò, Rin continua a sembrarmi un personaggio non in grado di stare sul palcoscenico da sola. Tutto questo buonismo è davvero necessario? Ma soprattutto, risulta verosimile?
Durante questo episodio la mia attenzione è calata drasticamente, per fortuna l’ha leggermente risollevata la scena della pittura su maschere, eseguita minuziosamente e visivamente appagante.

Vieilocean

Come è già avvenuto nel quarto episodio, torna predominante la psicologia di Rin. La bontà d’animo della giovane ragazza in contrasto con la sua missione ricolma di sentimenti negativi quali vendetta e odio. In questo episodio Rin riconosce tra i mercanti di una cittadina un membro dell’Itto-Ryu, o meglio, un ex spadaccino del dojo guidato da Kagehisa. Difatti Araya Kawakami ha abbandonato la sua vita da samurai per badare a suo figlio, Renzo. Proprio a causa di quest’ultimo, Rin decide di risparmiare la vita di Araya perché non vuole rendere Renzo un fantasma assetato di vendetta come lo è diventata lei. Gli eventi di questo episodio indeboliscono ancor di più i piani di rivalsa della giovane protagonista. Di questo passo, comincio veramente a dubitare che Rin riuscirà a portare a termine l’obbiettivo prefissatasi.


Act VII – Evil’s Shadow

blade of the immortal
il_baghi

Puntata alquanto anonima. Nelle ultime sembrano ci buttino dentro solo cose a caso come riempitivo…
Capisco che stiano arrivano a un qualche punto, ma lo stanno facendo in modo molto discutibile e terribilmente lento.

Vieilocean

Con il settimo episodio si conclude l’arco introduttivo di Blade of the Immortal. Questa puntata può essere considerata come un interludio al prossimo arco. Direi…finalmente.

L’Itto-Ryu ha raggiunto il suo obiettivo di diventare un dojo riconosciuto, nonostante ciò Kagehisa Anotsu non mi è parso molto entusiasta della cosa. Mentre Taito Magatsu, già incontrato nel secondo episodio, decide di lasciare l’Itto-Ryu, dato il suo odio per l’istituzione dei samurai; sono molto curioso di sapere quale sarà il suo ruolo con il prosieguo della storia. Ma è nel finale dell’episodio che arriva il punto di svolta. Viene infatti spiegato chi si nasconde dietro tutti gli assassinii visti nel corso di questo episodio: il Mugai-Ryu. Un dojo che ha l’intento di spazzare via Kagehisa Anotsu e il suo metodo poco convenzionale. Ora diventerà tutto più interessante…

Dimenticavo, ma quanto è stato malsano il finale dell’episodio?! Cattiveria gratuita.


Act VIII – Mugai-ryu

il_baghi

Episodio che vuole essere di transizione ma risulta solamente molto caotico. Alleanze nate e finite, personaggi che vanno e vengono, apparentemente tutto fine a se stesso.
E poi sempre questo buonismo finale di Rin, giusto per chiudere ogni singola vicenda. Non c’interessa: B-A-S-T-A.

Per fortuna alcuni fotogrammi catturano pienamente la mia attenzione facendo eclissare tutto il resto, come la farfalla sul lago di sangue. Ipnotica.

Vieilocean

Esattamente come il precedente, anche questo è un episodio di transizione tra l’arco narrativo introduttivo e quello principale dell’opera, quindi ancora un po’ lento.

Stretto un accordo di cooperazione con il Mugai-Ryu per assassinare Kagehisa Anotsu, Manji e Rin incontrano alcuni componenti di questo misterioso dojo. Ho scritto “misterioso” perché oltre a nascondere palesemente qualcosa, se n’è accorto persino Manji, sono le differenze tra i suoi membri a lasciare perplessi. Shira sembra appartenere all’Itto-Ryu, perverso e crudele oltre ogni misura (finale settimo episodio). D’altro canto Hyakurin, nonostante resti un’assassina, sembra però guidata da una qualche etica, dà l’impressione di essere più “umana” rispetto agli altri.

Il finale apre sicuramente a nuovi risvolti nella trama, la cooperazione tra i due protagoniste e il Mugai-Ryu pare essere cessata dopo solo un episodio.


Act IX – Gathering

Rin e Manji
il_baghi

Manca l’azione e si sente, ma… Rin sta per farmi ricredere, forse. Ha abbandonato quel buonismo così aleatorio che permeava ogni benedetta puntata, per far posto a una donna tutta d’un pezzo, determinata. Decisamente più realistico.
La scena dell’interrogatorio, poi, l’ho trovata davvero intensa. Chapeau.

Vieilocean

Episodio atto a consacrare la risolutezza di Rin. Dopo quanto accaduto nella precedente puntata, la giovane protagonista decide che se vuole portare a termine la sua vendetta personale, deve appunto farlo da sola. Stringere alleanze può portare a risvolti negativi in molti sensi, basta guardare cosa hanno ottenuto i due protagonisti da quella con il Mugai-Ryu: una taglia sulla loro testa.
La determinazione dimostrata durante l’interrogatorio, sembra scacciare definitivamente quel lato di ragazzina piagnucolosa che Rin ha mostrato fino a quel momento. L’unico dubbio che mi resta è sul come Rin pensa di sconfiggere Kagehisa Anotsu, data la sua palese inferiorità nell’arte della spada rispetto al leader dell’Itto-Ryu. Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Merus a colori

Dragon Ball Super: Merus è un Angelo?

Gli ingredienti per un buon torneo