in

Cosa cambia nella Director’s Cut di Re:Zero? Vediamolo insieme!

Re:Zero Director's Cut

Cos’è la Director’s Cut di Re:Zero?

La seconda stagione di Re:Zero kara Hajimeru Isekai Seikatsu sta finalmente per uscire ad aprile, quattro anni dopo il rilascio della prima stagione. Ma prima di tornare nel Regno di Lugnica, c’è una Director’s Cut che ci accompagnerà fino all’arrivo, appunto, della seconda stagione. Definirla una versione alternativa a quella che tutti conosciamo è fin troppo esagerato, possiamo quindi definirla semplicemente una versione aggiornata rispetto all’originale Re:Zero, con alcuni piccoli aggiustamenti grafici e qualche taglio, ma andiamo a scoprire ed analizzare queste piccole modifiche più nello specifico!

– Episodio 1

Minuto 15:30

La prima differenza evidente non appare prima del minuto 15:30, ma è piuttosto interessante. Nel taglio originale, quando Subaru chiede il nome di Emilia, lei si ferma e guarda in lontananza prima di rispondere “Satella” in modo piuttosto cupo. Nel taglio del regista, quest’ultima impiega qualche secondo in più per rispondere, con lunghe pause dopo la domanda di Subaru e nel mezzo di “Watashi wa …” e “Satella“. Entrambe le versioni iniettano tensione nella scena, ma i pochi secondi in più nel taglio del regista accentuano la sorpresa iniziale e il processo di pensiero interiore di Emilia.

Re:Zero Director's Cut Minuto 15:30
Satella risponde con aria cupa

Minuto 21:12

Subaru ed Emilia tornano nel luogo in cui le insegne sono state rubate per scoprire che è fuori dal negozio da cui Subaru era passato poco prima. Con loro grande sorpresa, la bambina perduta che hanno aiutato in precedenza è la figlia del negoziante. Sullo sfondo della versione originale, c’è un NPC che cammina per strada, ma è stato rimosso nella Director’s Cut. Inoltre la bambina sembra essere più felice nel rincontrare i suoi nuovi amici.

Re:Zero Director's Cut Minuto 21:12
NPC Rimosso, bambina che sorride

Minuto 22:15

Questo è una piccolezza, ma nella Director’s Cut, il colpo di scena dei bassifondi della città dura alcuni secondi in più dell’originale.
Ipotesi personale: Forse per far riflettere più sulle condizioni di vita difficili nei sobborghi della capitale del regno di Lugnica..chissà!

Re:Zero Director's Cut Minuto 22:15
Bassifondi di Lugnica

Minuto 24:54

Mentre Emilia è circondata dalla luce quando comunica con gli spiriti minori, la sequenza e lo sguardo di Subaru si estendono di alcuni secondi, mantenendo così un’atmosfera di tranquillità. Questo è il punto in cui termina la prima parte del primo episodio originale.

Re:Zero Director's Cut Minuto 24:54
Subaru fissa Emilia, sorpreso

Minuto 41:45

Un altro lavoro di ritocco, ma migliorando invece di rimuovere questa volta: la pila di monete che Elsa versa sul tavolo sembra molto più realistica e si abbina all’illuminazione della stanza.

Re:Zero Director's Cut Minuto 41:45
"Monete più dettagliate"

Minuto 49:20

Nella ripresa finale di Subaru riflesso negli occhi di Emilia, gli NPC in movimento sullo sfondo vengono rimossi.

Re:Zero Director's Cut Minuto 49:20
NPC sullo sfondo rimossi

Sommario

Sostanzialmente in questo primo episodio della Director’s Cut di Re:Zero non sono emerse particolari differenze, se non l’enfatizzazione di alcuni momenti e qualche ritocco grafico.

Vedremo insieme cosa ci riservano i prossimi episodi nelle settimane a venire, quindi, appuntamento alla prossima settimana per parlare dell’episodio numero 2!
Data di uscita Episodio 2: 08/01/2020 10:30 PM JST

– Episodio 2

Minuto 1:09 – 2:36

Nelle opening della versione originale e BD, i titoli di coda hanno il carattere del titolo e un effetto glitch-like. Nella Director’s Cut invece, tutto il testo è normale e statico.

ReZero Director’s Cut Minuto 1:09

Minuto 23:01

La Director’s Cut passa all’episodio 3 della versione originale. Naturalmente, i crediti di apertura di quest’ultimo vengono rimossi.

Minuto 44:27

Allo stesso modo, ci sono i crediti finali in sovrapposizione da questo punto nell’originale. La versione Director’s Cut invece presenta una sequenza finale dedicata.

Minuto 47:21

Reinhardt ed Emilia si voltano per guardare la luna. Nelle versioni originali e BD, c’è un effetto di transizione sfumato tra loro e la vista sulla luna. Nella Director’s Cut, invece, non c’è alcun effetto di transizione.

Sommario

Questo è tutto anche dal secondo episodio, sono presenti sempre le solite micro-estensioni temporali, volte ad amplificare l’atmosfera ma nulla di più.

Detto questo, appuntamento alla prossima settimana con l’analisi del terzo episodio!
Data di uscita Episodio 3: 15/01/2020 10:30 PM JST

– Episodio 3

Minuto 1:10

La scena del corridoio è molto più marcata nella Director’s Cut, una scelta piuttosto divertente per prolungare leggermente la scena stessa. Proprio come l’osservazione finale dell’episodio della scorsa settimana, le transizioni in dissolvenza vengono sostituite con dei tagli netti.

Minuto 22:55

Come la scorsa settimana, i titoli di coda in overlay del primo dei due episodi della versione originale inclusi in ogni puntata vengono rimossi nella Director’s Cut. Lo stesso vale per i crediti di apertura del secondo episodio.

Minuto 49:05

Proprio mentre viene dato il colpo mortale, quando il sangue di Subaru schizza 
dappertutto, qualcosa di nuovo attira l’attenzione proprio prima che il sipario cali. Infatti, nella Director’s Cut abbiamo la possibilità di notare i particolari del suo bulbo oculare staccato che rotola via.

Sommario

Dobbiamo aspettare ancora un po’ di tempo prima di arrivare ai momenti più belli, quindi è tutto per questa settimana. Appuntamento alla prossima!
Data di uscita Episodio 4: 22/01/2020 10:30 PM JST

Source & Images Credits

6 Comments

Leave a Reply
  1. Hahahah sarà che sono passati due anni forse piu dalla mia prima visione ma io nn le avevo proprio notate le differenze, che occhio che hai

    • Ahah grazie, ma non è solo merito mio, in parecchi sparsi per il mondo si divertono a complicarsi la vita andando a trovare tutte le differenze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Red Girls

Red Girls: una famiglia che attraversa il Giappone del dopoguerra

I 10 episodi più visti di Bleach nello scorso decennio