in

A Silent Voice – La Forma Della Voce

A Silent Voice

La forma della voce” è un film d’animazione basato sul manga scritto e disegnato da Yoshitoki Ōima e serializzato sul Weekly Shōnen Magazine. Esso mette in rilievo alcune tematiche molto in voga, come il bullismo, la paura di agire, il timore di proseguire e la necessità di avere al proprio fianco qualcuno che possa comprenderci.

CONTIENE SPOILER

La storia racconta dell’incontro tra due bambini: Shouya Ishida, un ragazzo molto vivace, e Shouko Nishimiya, una bambina sorda. Inizialmente le cose tra i due non vanno bene poichè Shouya si diverte a prendere in giro Shouko maltrattandola per il suo handicap. Il loro rapporto però non è così semplice ed entrambi si ritroveranno, nel corso degli anni, ad attraversare parecchie difficoltà.

Proviamo a dare una risposta a quelle che sono state le critiche maggiormente mosse a quest’opera

Il tema del suicidio

Shouya Ishida

Partiamo da uno dei temi fondamentali che si toccano in quest’opera: ovvero quello del suicidio. A molti è sembrato superficiale e privo di fondamenta il tentativo di Shouya di porre fine alle proprie sofferenze, come se non avesse le motivazioni giuste per arrivare a compiere un gesto tanto estremo. Mettiamo subito in chiaro che a prescindere non esistono scusanti per compiere un atto del genere, almeno per come la penso io, ma si tratta di un insieme di fattori. Lui stesso veniva bullizzato, la situazione familiare non era delle migliori, e veder la madre dover farsi carico – oltre che ai problemi lavorativi – pure a quelli causati da lui, gli ha tolto quella poca motivazione che aveva per vivere. Visto da chi non tenterebbe mai il suicidio suona tutto ridicolo, ma bisogna provare ad immedesimarsi perchè problemi di questo tipo purtroppo esistono.

The moment I hit freefall was an instant regret

Shouko Nishimiya

Shouko Nishimiya

Ci sono state alcune critiche anche nei confronti di Shouko. Le maggiori sono rivolte a come lei ci viene presentata: è una ragazza dolce, innocente, bella e candida – insomma tutti aggettivi che si ritrovano chiaramente in contrasto con l’altro suo aspetto, quello del suo handicap; come se la produzione volesse forzatamente farci piacere questo personaggio, metterci in sintonia con lei ed aiutarci ad entrare in uno stato di totale empatia nei suoi confronti.
La ragazza si ritrova con un muro davanti e non sa come interagire con il prossimo – la scena dove si vede lei che neanche sa che espressione facciale usare per riuscire ad approcciare shouya dice tutto. Il modo in cui riesce sempre ad essere gentile con gli altri è un chiaro esempio del fatto che queste scene sono studiate appositamente per tirare fuori l’animo dello spettatore. L’obiettivo finale è quello di riuscire a dare un impatto emotivo forte. Questo è lo scopo dell’intero progetto – anche la scena dove prova a suicidarsi, per quanto discutibile possa essere, è tutto un accumulo di situazioni atte a trasmettere queste sensazioni.

Il resto del cast

Un aspetto che ho realmente apprezzato è il modo in cui vengono introdotti i personaggi secondari. Questi partecipano in maniera attiva all’evoluzione emotiva dei protagonisti, e servono per renderere il contesto credibile. Pur non avendo uno spazio rilevante all’interno dell’opera, ci si rende conto subito che rivestono un ruolo ben definito, che visto nell’insieme funziona.

Finale

Ed infine la critica maggiormente espressa va al finale ed al modo in cui è stato strutturato: il fatto che non concluda nulla e lasci il seguito in mano allo spettatore. Ricordiamoci che si tratta di un film, non una serie tv da 24 episodi. Ed è stata fatta una scelta: ovvero puntare a trasmettere più sensazioni possibili allo spettatore. Il fine non è quello di raccontare la storia dei personaggi, ma quello di sensibilizzare e mettere lo spettatore a confronto con questa realtà. Sotto questo aspetto il risultato finale è davvero ben studiato e riuscito.

Da domani, guarderò tutti dritto negli occhi. Da domani, ascolterò attentamente tutte le voci. Da domani, mi comporterò bene

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

Comments

0 comments

Sugimoto L'immortale

Annunciato il film di Golden Kamuy

Gosick

3 anime in stile gotico caratterizzati da atmosfere cupe e misteriose