in , ,

14 luoghi da visitare in Giappone se sei un fan di anime

Se si offre ad un otaku un biglietto per volare dovunque voglia, probabilmente sceglierà come meta il Giappone. Essendo la patria degli anime, dei manga e dei videogiochi, ospita diversi posti meravigliosi da vedere almeno una volta nella vita se si è un ammiratore del genere.

Anche per chi non ha familiarità col paese, troverà alcuni luoghi fantastici da esplorare! Se vi siete mai chiesti dove sono alcuni dei luoghi che hanno ispirato gli anime, dove si possono comprare i migliori gadget o se esiste un museo dedicato ad essi, questa lista fa per voi.

Tokyo Anime Center

Il Tokyo Anime Center è il posto perfetto per dedicarsi alla passione per gli anime, perché è stato pensato proprio con questo scopo.

Si trova al 4 piano dell‘edificio Akihabara UDX, vicino alla Stazione di Akihabara e vengono organizzati eventi e interviste radio con doppiatori e creatori di anime.

Tokyo Anime Center

Akihabara

Viene chiamata anche ”La città elettrica“ o semplicemente ”Akiba“, ma per gli appassionati è la destinazione per eccellenza.

Incarna perfettamente lo stereotipo ideale della città anime, per cui si trovano molti negozi di elettronica e vie orientate agli otaku, dove poter comprare manga, sorseggiare qualcosa in un maid café o ammirare uno spettacolo al AKB48 Music Theatre.

Akihabara

J-World Tokyo

J-World Tokyo é come un Disney World in miniatura con i personaggi tratti da Shōnen Jump. C‘é anche un parco di divertimenti al coperto a Ikebukuro, il Sunshine City, che celebra serie del calibro di One Piece, Hunter x Hunter e Dragon Ball Z.

Vale tutto il prezzo dell‘ingresso solo per l‘atmosfera e per ammirare le ricreazioni dal vivo della Going Merry o il ristorante di ramen ninja da Naruto.

J-World Tokyo

Tokyo Character

Sulla via Tokyo Character si potranno spendere in merchandise tutti i soldi faticosamente guadagnati col duro lavoro. La via commerciale sotterranea si trova giusto sotto la Stazione di Tokyo e ospita numerosi negozi ispirati alle icone più famose in Giappone, tra cui Studio Ghibli Official Shop, Hello Kitty Store, Rilakkuma Store, Pretty Cure Shop e molti altri.

Tokyo Character

Pokémon Mega Center Tokyo

Una volta entrati in questo enorme negozio, non si potrà resistere alla tentazione di comprare tutti i prodotti Pokémon possibili.

Non prodotti comuni, ma esclusive giapponesi che non si trovano altrove: biscotti, noodles e bevande ispirate ai diversi Pokémon sono solo la punta dell‘iceberg. Spugne, portachiavi, bicchieri, magliette e carte collezionabili possono essere comprate solo in questo paradiso Pokémon.

Pokémon Mega Center Tokyo

Dōgo Onsen

Non c’é niente di più “anime“ che rilassarsi in una sauna e a questo proposito ci si può recare al Dōgo Onsen nella prefettura di Ehime.

La sua popolarità tra gli stranieri ed i locali è cresciuta grazie al lungometraggio dello Studio Ghibli, La città incantata, che ha tratto dal luogo la propria ispirazione. Non si troveranno divinità o streghe, ma si potrà avere un‘esperienza rinfrescante per il corpo e la mente.

Dogo Onsen

Suginami Animation Museum

I fan che sono interessati a saperne di più sulla storia e la produzione degli anime deve assolutamente visitare il Museo di Animazione Suginami.

Ci sono mostre riguardo l‘animazione, il doppiaggio e il futuro degli anime; inoltre il museo include una biblioteca, un teatro e dei laboratori interattivi.

Suginami Animation Museum

Asagaya

É normale creare un paradiso degli anime quando ad Asagaya ci sono molti studi d’animazione prestigiosi, come A-1 Pictures, Madhouse e Production I.G.

Nonostante la concorrenza con Akihabara, vale ancora la pena visitarla per i suoi negozi, café a tema e prodotti originali dei personaggi degli anime.

Asagaya

Otome Road

Anche conosciuta come Maiden Road, conta di numerosi centri commerciali con anime, manga, riviste e romanzi rivolti principalmente ad un pubblico femminile.

Molto in vista sono i negozi e ristorante a tema BL (Boy’s Love), per cui l’Otome Road viene spesso soprannominata Fujoshi street.

La sua popolarità decollò nel 2005, grazie al film Densha Otoko, in cui la via viene dipinta come il sogno di ogni ragazza otaku.

Otome Road

Gundam Base Tokyo

Originariamente conosciuto come Gundam Front Tokyo, funge da museo e negozio del leggendario brand Mobile Gundam n Giappone.

I fan di Gundam si ritroveranno nel paradiso mecha man mano che ne esploreranno la ricca storia a partire dal 1979. Molti prodotti potranno essere acquistati e si possono gustare piatti a tema, ma l‘attrattiva principale sono i kit di modelli Gundam, i quali potranno essere assemblati direttamente in negozio.

Gundam Base Tokyo

Kyoto Manga International Museum

La struttura si prefigge di conservare, studiare e ricercare la cultura del manga attraverso la storia.

Si potranno vedere moltissimi manga di tutti i tipi, mostre sugli artisti più influenti, seminari e laboratori a riguardo.

Kyoto Manga International Museum

Washinomiya

I fan di Lucky Star troveranno divertente passare il Capodanno in Giappone al tempio Washinomiya nella prefettura Saitama.

Grazie alla popolarità della serie, Washinomiya é uno dei posti più visitati dagli otaku, con oltre 100mila persone che giungono qui per pregare, appendere i loro desideri per il nuovo anno e comprare beni.

Washinomiya

Scuola Elementare di Toyosato

Nonostante sia stato trasmesso più di otto anni fa, la serie K-ON ha un seguito ancora molto forte. Non essendoci ancora la terza stagione, l‘opzione migliore è quella di visitare la scuola elementare Toyosato, che ha ispirato la scuola dell‘anime (con le stesse tartarughe decorate sulle scale.

Qui si possono vedere cosplayer che scattano foto e si organizzano persino feste di compleanno.

Scuola Elementare di Toyosato

Yoshihiro Yonezawa Memorial Library of Manga and Subcultures

Si trova all‘università Meiji di Tokyo ed è atta a valorizzare le persone che contribuirono a legittimare i manga e gli anime come vera e propria forma d‘arte; per questo visitare la biblioteca dovrebbe essere una priorità per tutti gli appassionati di storia e di manga.

La biblioteca offre la collezione di Yoshiro Yonezawa, critico di manga e co-fondatore del Comiket. Era conosciuto per la sua abitudine di riempire la casa di manga e comprarne un‘altra qualora la prima fosse stata piena (diverse volte é successo).

Nella sua collezione si osservano famosi capolavori, come Tetsujin 28-go del 1958, il primo manga mecha giapponese.

Yoshihiro Yonezawa Memorial Library of Manga and Subcultures

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0
Golden Week negli anime

Cos’è la Golden Week, e che effetto ha sulla produzione anime?

Quattro chiacchiere con Thibault Tresca